Fiaccolata per Emanuela Orlandi torna in Vaticano a 30 anni dalla scomparsa

La Fiaccolata per Emanuela Orlandi il prossimo 22 giugno torna in Vaticano con Pietro Orlandi e i familiari, a 30 anni dalla misteriosa scomparsa diventato uno dei casi di cronaca più nera mai risolta.

Fiaccolata per Emanuela Orlandi in Vaticano

Sono passati 30 anni dalla misteriosa scomparsa della giovane cittadina vaticana Emanuela Orlandi, figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia.

Trenta lunghi anni di ricerche vane, indagini irrisolte, petizioni solidali a caccia di giustizia e speranze frustrate dei familiari, che hanno perso le tracce della ragazza quindicenne quel mercoledì 22 giugno 1983.

Un trentennio per uno dei casi di cronaca più nera mai risolta, che ha coinvolto lo Stato Vaticano e quello Italiano, l'Istituto per le Opere di Religione (IOR) e il Banco Ambrosiano, i servizi segreti di diversi Paesi e la Banda della Magliana.

Una lunga e ostinata ricerca che il fratello della ragazza Pietro Orlandi non ha mai abbandonato, e forse l'incontro con il nuovo pontefice, fuori dalla chiesa di Sant'Anna in Vaticano, ha reso più speranzosa, insieme a quella di chi si è augurato che l'avvento del nuovo papa portasse rischiarare il lato più oscuro della Chiesa.

Fiaccolata per Emanuela Orlandi in Vaticano

Una speranza che dopo la manifestazione dello scorso anno in piazza San Pietro, porterà parecchi, insieme a Pietro Orlandi, a partecipare alla fiaccolata per Emanuela Orlandi a 30 anni dalla sua scomparsa, il 22 giugno 2013, ripercorrendo fino al Vaticano il tragitto che Emanuela avrebbe dovuto fare per rincasare dalla scuola di musica che frequentava a piazza Santa Apollinare.


"Da tempo pensavo a un'iniziativa per questo giorno e per ribadire che noi non rinunceremo mai alla verità su mia sorella. Sarò lì con la mia famiglia e tutte le persone che in queste anni ci sono state vicine e ci hanno sempre espresso solidarietà. Emanuela, per tanti, è diventata un simbolo di chi ha visto negarsi la giustizia e la verità".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail