"Romanzo Capitale" di Report e la guerra elettorale per il Campidoglio

"Romanzo Capitale" non è certo finito. La trasmissione della Gabanelli su Roma fa scoppiare la guerra in piena campagna elettorale. Reazioni da tutte le parti.

report romanzo capitale

Dopo la puntata di ieri sera di Report sui malaffari romani ha fatto molto rumore. Soprattutto, come sempre sui social network. Su Twitter bastava cliccare #Report per vedere i commenti andare in flame.

Gianni Alemanno annuncia querela, sempre via Twitter:

Ma cosa ha sollevato Report? Oltre all'inchiesta sull'arresto dell'ex ad di Eur Spa Riccardo Mancini, la trasmissione diretta da Milena Gabanelli, che dovrebbe essere replicata lunedì sera su RaiSat Extra alle 21, ma che potete trovare anche qui in diversi formati, allo scandalo tangenti sui filobus, analizzava anche il sistema dei subappalti per la metro C, gli infiltrati nelle mafie e gli interessi della nuova banda della Magliana.

Indagava sul boss camorrista Michele Senese e delle nuove mafie "federate". Ma la parte più calda sono state le nuove rivelazioni su Mancini. Il giornalista Paolo Mondani ha intervistato un imprenditore (anonimo) che accusava Mancini di spartire subappalti della metro C fra le imprese, prendendo percentuali dal 5 al 7%.

romanzo Capitale

Arriva poi anche la reazione del PD romano, ancora concentrato sulla campagna elettorale proprio per il Campidoglio. Umberto Marroni, capogruppo Pd di Roma Capitale, dichiara:

"Più che annunciare querele via twitter il Sindaco Alemanno dovrebbe rassegnare le dimissioni e non ripresentarsi alle elezioni di maggio. La puntata di Report ha messo ulteriormente in luce quel che noi denunciamo da anni: la deriva dell'Amministrazione Alemanno in scandali e politiche clientelari, da Parentopoli alla gestione opaca degli appalti. (...) Mancini ha avuto un ruolo, oltre che nella vicenda filobus, anche nella gestione degli appalti Metro C e Acea?".

L'ex vice ministro Francesco Giro (Pdl) risponde cosi:

"Marroni è persona avveduta e non può non aver compreso che la puntata di Report è stata costruita al solo scopo di diffamare un'intera amministrazione comunale alla vigilia, come la stessa giornalista Gabanelli ha ammesso, di un voto importante come quello di maggio. Si è trattata di una puntata pasticciata, un miscuglio disordinato e caotico di notizie alcune già apparse sulla stampa e già in parte controdedotte davanti all'autorità giudiziaria... Credo vi siano tutti gli estremi per una querela di parte per diffamazione per chi si sia sentito ingiustamente aggredito e leso nella propria onorabilità".

Ma anche il candidato a sindaco di Roma per il centrosinistra, Ignazio Marino, interviene via Twitter, nella bagarre:

In serata poi è arrivato infine il video di Alemanno dal suo sito ufficiale per rispondere alla Gabanelli.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: