Tassisti a Roma - prima puntata

angelo taxi roma

Chi meglio dei tassisti può raccontare la città, Roma o Milano che sia? Così io e il buon Gabriele su 02blog, ci siamo messi a incontrare un pò di loro, e per farci spiegare cosa siano l'Urbe e la metropoli lombarda viste dalle pianure di catrame, pavè, o porfido. Tutte le domeniche contiamo di farci una rubrichina, dopo il salto, trovate il primo dei "romani", Angelo.

Da quanti anni fai il tassista e cosa facevi prima?

Ho iniziato questa professione da sette anni, prima facevo il barman. E’ stata una scelta di vita quella di fare il tassista. Non volevo più avere qualcuno che mi comandava, un padrone, così ho deciso di cambiare mestiere e di cambiare in meglio. Ed ora eccomi qua.

Iniziamo a parlare un po’ di Roma. Com’è la Capitale d’Italia vista dalla strada? Quali sono i problemi della città in cui ti imbatti più spesso?
Beh è scontato dire che il traffico è il vero problema di Roma. La verità è che va sempre peggiorando, le corsie preferenziali sono poche e quando ci sono vengono spesso occupate dalle auto private. Qualche volta l’amministrazione cerca di aggiustare da una parte ma subito si rompe qualche strada da un’altra. E in centro non si circola proprio.

Si parla tanto di sicurezza in città. Roma secondo te è insicura? Mai avuto problemi con qualche cliente?
Per fortuna io non ho mai avuto episodi di criminalità nel mio taxi, anche se alcuni colleghi hanno avuto brutte esperienze e negli anni passati ci sono stati anche un paio di morti. Ad ogni modo la città mi sembra abbastanza sicura. Certo, è grande ed alcune zone lo sono meno.

Il turismo è in calo… Avvertite qualche differenza con gli anni passati?
Si i turisti sono in calo. Ce ne sono di meno e vengono più organizzati. Una volta era semplice: gli stranieri arrivavano a Roma e non sapevano dove andare e cosa fare. Oggi arrivano con le idee chiare e spesso sui pulman turistici. Così ora la concorrenza per noi non è più solo rappresentata dagli Ncc (Noleggio con conducente Ndr) ma anche dagli autobus turistici. Se abbiamo perso un po’ di clienti stranieri, però, è anche un po’ colpa nostra per come li abbiamo gestiti in passato. Tra l’altro molti di noi parlano male le lingue straniere. Io personalmente parlo bene inglese e spagnolo già da quando facevo il barman, ‘ma co i cinesi so dolori’!

A mance qualche differenza tra italiani e stranieri?
I turisti sono un po’ più buoni, soprattutto quando fai il simpatico con loro. Alla fine ci scappano sempre 2-3 euro in più. Gli italiani invece di solito arrotondano e basta!

Due anni fa siete finiti costantemente in prima pagina a causa della guerra tra la vostra categoria e l’amministrazione dell’ex sindaco Veltroni che voleva aumentare le licenze. Oggi, con 2000 auto in più, in città trovare un taxi è molto più facile ma com’è cambiata la situazione per voi?
Quello scontro ha lasciato strascichi però la clientela non si è persa. E’ chiaro, però, che nel corso della giornata abbiamo meno guadagno individuale. Oggi c’è la crisi e si sente. Ma anche l’aumento delle licenze ha contribuito a darci una bella mazzata.

La clientela non si è persa. Immagino che nemmeno i clienti famosi siano diminuiti… Quali personaggi hai portato sulla tua auto?
A Roma ci passano tutti, politici, attori, registi, sportivi… Recentemente ho preso a bordo Edwige Fennech, Albano e Manuela Arcuri, che per la cronaca è anche una delle mie preferite. Io naturalmente mi atteggiavo un po’ e lei era molto sorridente e tranquilla. L’ho portata un po’ in giro per negozi e dopo siamo tornati all’albergo. Non potevo non chiedergli un bacio alla fine e lei mi ha detto di si!

Ti sono mai capitate situazioni divertenti a bordo del tuo taxi? Clienti strani? Oggetti smarriti?
Una volta un principe arabo, forse uno sceicco degli Emirati, si è scordato nella mi auto un pacco che aveva appena comprato da Gucci! Io mi ricordavo di averlo caricato a bordo all’Hotel Excelsior, così quando mi sono accorto della sua dimenticanza sono tornato all’albergo per riconsegnargli il pacchetto. Aho, mi aspettavo un mancia regale. Manco cinque euro ma dato quello lì!...
  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: