Aurelio, amministratore ucciso e fatto a pezzi

Georgeta Nikita ha confessato. E' stata lei, con la complicità del marito, anch'egli rumeno, ad aver ucciso l'amministratore di condominio Giovanni Santini, ritrovato poi in una valigia in un appartamento di via Urbano II. Il movente sarebbe stato un conto non saldato, la cui cifra che non supererebbe i 400 euro. Santini, 63 anni, era andato nell'appartamento propio per riscuotere il dovuto. Sul suo cadavere sono stati riscontrati segni di numerosi colpi sferzati, molto probabilmente, con un martello.

I due assassini vivevano da mesi nello stabile e la donna, madre di tre figlie, lavorava come cameriera in un ristorante della zona. Le indagini sono partite grazie all'allarme dato dal portiere di un altro palazzo, che aspettava la vittima da venerdì pomeriggio. Gli uomini della squadra mobile, come ha precisato il questore Caruso, sono arrivati ai due rumeni grazie alla collaborazione data loro da alcuni connazionali che abitano nello stesso stabile teatro dell'omicidio.

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: