Chiedere a Walter una strada per Anna Politkovskaja

Giovanni de Mauro, direttore di Internazionale, ha pubblicato oggi un editoriale, che è una lettera a Walter Veltroni, con una proposta molto giusta e sensata, che vale la pena di sottoscrivere. L'idea originariamente proposta dal filosofo francese André Glucksmann e il radicale italiano Mario Staderin è quella di intitolare ad Anna Politkovskaja una strada accanto all'ambasciata della Federazione russa. Ricopio qui sotto le sue parole, sperando che quanti da voi siano concordi, facciano altrettanto sui loro blog o via mail con i propri amici. Se volete possiamo anche intervistare De Mauro o Standerini e far girare l'mp3 con la proposta.

La strada
Caro Walter Veltroni, sono giorni complicati, lo sappiamo. L'incidente nella metropolitana, la Festa del cinema, l'ordinaria amministrazione di una grande città come Roma. Però c'è un favore che vorremmo chiederle. Il filosofo francese André Glucksmann e il radicale italiano Mario Staderini hanno proposto che nelle città europee venga intitolata una strada ad Anna Politkovskaja. Non una strada qualsiasi, ma quella in cui si trovano l'ambasciata o il consolato della Federazione russa, che così avrebbero sulla loro carta intestata o sui biglietti da visita dei funzionari il nome della giornalista. A Roma l'ambasciata è in via Gaeta. Sono certo, e lo sa anche lei, che tanti romani sarebbero felici di veder ricordata così Anna Politkovskaja. Qualche giorno fa lei ha detto in tv che il futuro è meraviglioso. Vuol darcene una dimostrazione concreta?
Un cordiale saluto, Giovanni De Mauro -

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: