Fiumicino o Malpensa per Alitalia? Con Air France l'hub sarà l'aeroporto romano

Sarà Fiumicino l'hub italiano di Alitalia. Ma Malpensa si rifarà con il probabile sblocco delle rotte e la liberalizzazione degli slot. Sembra essere questo l'esito dell'ultima riunione politica tra il Governo e i vertici della nuova Alitalia tenutasi oggi a Roma alla presenza anche dei sindaci di Roma e Milano Gianni Alemanno e Letizia Moratti. Nell'eterna guerra tra Fiumicino e Malpensa, dunque, vince l'aeroporto romano, salvo improbabili colpi di scena sul partner industriale di Alitalia con un ritorno di Lufthansa.

E' stata proprio la scelta dei vertici della nuova Alitalia di avere come partner straniero Air France ad aver spostato l'ago della bilancia tutto dalla parte dello scalo romano. I francesi, per entrare con il 25% del capitale, sborseranno circa 300 milioni alla nuova compagnia ma pretenderanno un sistema aeroportuale europeo incentrato su Parigi, grande hub del nord Europa con l'aeroporto di Roma al sud che sarà un mini hub per l'Italia, un aeroporto con circa 15 rotte intercontinentali proprie di Alitalia (ma naturalmente centinaia grazie a tutte le altre compagnie) e tratte di collegamento da Fiumicino e il resto del mondo con Alitalia previo scalo a Parigi. Il modello tedesco prevedeva la stessa cosa ma con due aeroporti italiani forti, Malpensa in primis. Scongiurato, dunque, il rischio di perdere a Roma decine di migliaia di posti di lavoro.

La scelta di Air France, e il conseguente e definitivo rafforzamento di Fiumicino, sono arrivati al termine di una lunga riunione dal premier Berlusconi. Malpensa, ha annunciato in serata il leader della Lega Nord Umberto Bossi, sarà rafforzata perchè sono arrivare "assicurazioni circa lo sblocco dei negoziati sugli accordi bilaterali che consentono di avere vettori e destinazioni internazionali su Malpensa". "Lufthansa è ancora in corsa" ha aggiunto Bossi senza però fare i conti con le dichiarazioni del resto dei presenti, da Alemanno, ai veritci Cai fino ai fedelissimi di Berlusconi Cicchitto e La Russa: "I vertici di Cai ci hanno detto che l'intesa è con Air France, da Lufthansa nesuna proposta".

Foto: Flickr


Chi è interessato alla vicenda, comunque, si segni due date: il 13 gennaio: entro questa data si saprà quale sarà il partner straniero in maniera definitiva. Colpi di scena non dovrebbero arrivare, sarà con tutta probabilità Air France. Il 20 gennaio, infine, sarà presentato il piano industriale di Alitalia: "Il 20 gennaio sarà illustrato al tavolo interistituzionale il piano industriale - ha aggiunto, infine, proprio il sindaco di Roma al termine dell'incontro odierno - In quella sede si capiranno esattamente quali saranno le ricadute per Fiumicino".

In quanto al presunto ritorno di Lufthansa, ricordato da Bossi, in serata lo stesso Berlusconi ha ribadito: "La lettera arrivata oggi da parte dei tedeschi non è un'offerta ma solo una nota con si ribadisce che Lufthansa è interessata al mercato italiano".

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: