Elezioni comunali Roma 2013 - Primarie del centrosinistra, parte la corsa di Sassoli

Le sue prime proposte: basta cemento e consumo di suolo, chiusura dell'anello ferroviario, si al registro delle unioni civili, piste ciclabili, più risorse ai municipi e stipendio pari a quello di un preside di liceo.

David Sassoli, il più accreditato tra i candidati a sindaco di Roma, lancia ufficialmente la sua candidatura. E dopo la rinuncia alla corsa di Umberto Marroni si profila un ticket tra Sassoli e l'imprenditore "rosso" Marchini, prima per battere gli sfidanti alle prossime primarie del centrosinistra e poi per "mandare a casa Alemanno".

Il lancio della candidatura dell'ex giornalista Rai è avvenuto ieri sera. Più che presentare il programma Sassoli ha presentato le sue prime proposte: Tra quelle che spiccano di più ecco "la chiusra dell'anello ferroviario", lo "stop al cemento e al consumo di suolo", "un registro delle unioni civili", "più piste ciclabili", "più risorse ai municipi" e una "Sala di gestione per il GRA". "Se vinco- ha detto- le auto blu le daremo ai servizi sociali e alla Sovrintendenza archeologica, che spesso non può neanche andare agli scavi perché non ha i mezzi. Inoltre il mio stipendio sarà pari a quello di un preside di un liceo".

"Ora possiamo davvero liberare Romaà dopo 5 anni di Alemanno- ha concluso Sassoli usando le parole che ogni elettore di centrosinistra aspettava di sentire da tempo- Ora dobbiamo far uscire dalla valigia dei sogni ciò che noi speriamo per la nostra città, usando a modello quanto fatto da Torino in questi ultimi anni, e voltando pagina con cinque anni che hanno allontanato la città dai minimi standard europei".

  • shares
  • Mail