Traffico da Coppa dei Campioni

Comincio subito col dire che io sono un tifoso. Perciò chiedo scusa (anche perché abbiamo vinto) quale malato terminale al resto dei miei concittadini sani. Per me, che ci vado pure poco, lo stadio è una sorta di Tempio. Detto questo non è possibile che la cosa incida in una maniera così spaventosa sulla viabilità della Capitale. Ieri sera nell'orario di punta, tutto il Lungotevere in direzione stadio Olimpico era fermo. Letteralmente. Fermo.

Coincidevano la giornata feriale, gli orari di rientro dal lavoro, la pioggia, lo shopping natalizio e noi popolo di tifosi in pellegrinaggio. Questo comporta un delirio assurdo sull'arteria che si snoda dentro la città e un vero far west del parcheggio in prossimità di tutta la zona intorno al Foro Italico. Molti tifosi sono arrivati a partita iniziata (io stesso ci ho messo 1h e 15 partendo da Piazza Venezia). Non oso pensare ai poveri cristi che volevano solo tornare a casa o attraversare la fiumana per altre mete.

La cosa non è più sopportabile, soprattutto pergli "innocenti" che si trovano loro malgrado nella vasca maledetta. Da decenni si sogna un nuovo stadio, meglio posizionato e più facilmente raggiungibile, magari più piccolo, con basso impatto ambientale e dove si veda pure meglio. Mancanza di capitali, di coraggio e di fantasia hanno lasciato le cose allo stato attuale.

A questo punto si facciano almeno proposte di possibili soluzioni. Quali lo sfruttamento del Tevere (chiatte che portino i tifosi fin sotto l'ultimo ponte) o navette adeguate allo smistamento del traffico. Si fa un gran parlare del problema manifestazioni e cortei, ma di quello infrasettimanale e periodico che riguarda una passione così calda della nostra città, sembra che la rassegnazione sia l'unica risposta.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: