Roma in bicicletta tra progetti di ciclabilità e pedalate, con Bike to Work Day, Magnalonga, Ciemmona

Chi pedala tutti i giorni a Roma, nonostante tutto, per andare ovunque, è chi lo fa meno, scoraggiato dai pericoli e i limiti di una città poco sensibile alla ciclabilità, si ritroverà a condividere la stessa strada, aspettando le belle giornate di primavera e una mobilità più sostenibile, insieme ad eventi a pedali ...

Roma Pedalando a via dei Fori Imperiali

come il prossimo Bike to Work Day 2013 di giovedì 9 maggio, la 5^ edizione della pedalata da degustare con la Magnalonga di sabato 18 maggio 2013, o la Critical Mass interplanetaria del 31 maggio, 1 e 2 giugno 2013 che riporta sulle strade di Roma ciclisti e biciclette che arrivano da tutto il mondo.

Occasioni di condivisione che si accompagnano a dibattiti e riflessioni, come quelle emerse lo scorso 8 marzo al Biciexpo nella nuova Fiera di Roma, durante il convegno sulla ciclabilità organizzato dal Coordinamento Roma Ciclabile, con rappresentanti del Comune di Roma e delle principali associazioni ciclistiche romane, e non mancheranno alla presentazione del progetto 'SICURO IN BICI è MEGLIO', tenuta giovedì 21 Marzo 2013 alle ore 17.30, nella Sala conferenze del Dipartimento di Ingegneria dell'Università degli Studi Roma Tre ( Via Vito Volterra, 62).

Un progetto rivolto a migliorare gli standard di sicurezza e promozione culturale di una mobilità ciclabile che ha iniziato a cambiare il quotidiano e lo stile di vita di tanti.

Uomini e donne di tutte le età e condizioni sociali, che hanno ispirato il progetto
di comunicazione sociale WE ARE TRAFFIC – ROMA, con l’obiettivo di sensibilizzare sui benefici del ciclismo urbano, ma anche quello web Senz'Auto, che condivide esperienze di vita, commenti e impressioni di chi ha già scelto scelto di fare a meno dell'auto.

Come Michelangelo, 40 anni a giugno, sposato e padre di due figli, ex automobilista da 60000 Km l’anno, “Senzauto” dal primo gennaio 2005. Luca che non ha mai avuto l'auto e ha asciato la moto in letargo. L'ex motorizzato Paolo, conosciuto come Rotafixa, e molte altre che arrivano da tutta Italia.

Esperienze di chi ha già iniziato un cambiamento radicale del quotidiano e della qualità della vita, grazie anche alle due ruote, mentre l'estro e la professionalità dei nostri giovani designer sforna progettini dai cui trarre ispirazione, come la struttura di trasporto modulare 'Bamgoo' progettata da Sara Urasini, studentessa alla facoltà di Design e arti alla libera università di Bolzano, che con questo gioiellino, semplice, economico e funzionale, ha vinto il prestigioso International Bicycle Design Competition, da sbirciare meglio su Designboom.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail