Roma è città sicura ma poco globale - Il rapporto degli industriali di Roma e i numeri della Questura

Roma è una città sicura. Lo è da sempre dicono molti "e lo è stata anche nel terribile 2007", anno di drammatici omicidi che hanno catturato l'attenzione della gente. A sentenziarlo, proprio nel giorno della condanna in secondo grado di Doina Matei, responsabile della morte di Vanessa Russo, è stato un rapporto redatto dall'Uir, l'Unione degli industriali e delle imprese di Roma.

Nonostate una certa propensione popolare a credere che negli ultimi anni i reati siano aumentati, dunque, la sicurezza a Roma non sembra essere in discussione. La ricerca è basata su semplici ma indiscutibili numeri forniti dalla Questura di Roma: nel 2007 a Roma ci sono verificati 28 omicidi, 222 stupri, 25.000 furti alla persona, 7000 furti in abitazione, 23.000 furti di automobili e 4426 rapine. Se si mette questo dato a confronto con le altre capitali europei si rimane stupiti: a Londra, nello stesso periodo, si sono verificati 156 omicidi e 1897 stupri. A Parigi 31 omicidi e 572 stupri e a Berlino 41 omicidi e 577 stupri.

Naturalmente non è stato solo il dato della sicurezza ad essere al centro della relazione degli industriali. All'assemblea annuale dell'Uir dove sono stati resi noti questi dati, infatti, si parlava di imprese ed economia. E su questo fronte Roma non è brillantissima. La Capitale d'Italia, infatti, si è posizionata al 30° posto, su 60 città del mondo, in quanto a competitività globale, ovvero nella classifica delle città che presentano più offerte culturali, di buisness, più capitale umano, numero di media, numero di laureati e miglior interscambio politico. Secondo i dati presentati, elaborati nel "2008 Global City Index" elaborato dal Chicago Council on Global Affairs la prima città al mondo è New York, seguita da Londra e Parigi. Milano al 39° posto, ultima Calcutta.

Nello specifico la Capitale italiana si piazza al 31° posto per propensione al business (in testa New York), al 15° per le attività culturali (al 1°Londra), al 22° per partecipazione politica (in testa Washingthon), al 30° per gli Scambi di informazioni (1° a Parigi), e sempre al 30° per capitale umano (al 1° sempre New York).

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: