Gallery: l'ambulatorio nato dalle ceneri del San Giacomo

Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)

Ecco le immagini tratte da Repubblica.Roma del nuovo poliambulatorio Canova, nato dalle ceneri dell’Ospedale San Giacomo la cui chiusura nei mesi scorsi ha scatenato l’ira degli abitanti del I municipio e del personale sanitario.

La nuova struttura in funzione da ieri e non ancora priva di barriere architettoniche (gli ascensori al momento non funzionano) è un ambulatorio specializzato nei codici bianchi e verdi, esemplificando tonsilliti, ferite superficiali, febbre, faringiti, congiuntiviti abrasioni cutanee ecc., insomma roba di poco conto.

Già per un polso rotto ci si deve rivolgere ad altre strutture, gli infartuati non possono assolutamente essere accettati. I prelievi del sangue si possono eseguire, ma le provette vengono analizzate al Regina Margherita nonostante il nuovissimo laboratorio di analisi del S.Giacomo perfettamente funzionante e ora inutilizzato.

Protesta nel frattempo il personale del Canova: i circa 100 lavoratori rimasti nel nuovo presidio (gli altri sono stati trasferiti) si sentono umiliati umanamente di fronte alla prospettiva attuale di rimanere a braccia conserte per mancanza di organizzazione. “A queste condizioni (l’ambulatorio ndr) non durerà più di dieci giorni”.

Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)
Poliambulatorio Canova (photo by Repubblica.Roma)

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: