I cinque punti del Documento finanziario presentato da Alemanno


Il seminario politico tenutosi presso l'istituto religioso Casa San Bernanrdo ha dato nuovo spirito alla maggioranza che appoggia la Giunta di Alemanno in Campidoglio. Dalla due giorni di lavori è scaturito il testo base del documento di programmazione finanziaria che verrà presentato nella Sala Giulio Cesare il prossimo 12 novembre per essere approvato. Oggi è cominciato anche il confronto con le parti sociali.

Sono cinque i punti cardine attorno a cui si sviluppa il piano per il rilancio della capitale che come era stato annunciato avrà una portata di 150 milioni di euro annui: al primo posto un riassetto della pubblica amministrazione che dovrà essere più vicina, "amica", al cittadino e alle imprese. Il secondo punto prevede una sistemizzazione integrata delle politiche per un nuovo equilibrio della struttura urbana (vale adire mobilità, servizi, opere pubbliche).

La terza istanza è riassumibile nella formula Roma "città sicura", una sintesi tra pubblica sicurezza e sicurezza sociale attraverso gli strumenti del patto Roma sicura, il Prg sociale, il piano casa e l'housing sociale. Gli ultmi due punti si propongono di rendere Roma la "città della qualità", investendo in ricerca, cultura e per restituirle una dimensione internazionale.

Con la stesura del documento in sostanza Alemanno ha aperto la "fase due" della propria gestione, una fase che intende porre fine ai travagli ed affanni legati in buona parte alla litigiosità e riottosità di elementi importanti all'interno della stessa maggioranza, di per sé numericamente inespugnabile.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: