Oggi scuola in piazza per protestare contro le ultime riforme

Manifestazione degli studenti universitari a Termini (photo by Il Messaggero)

Parte oggi il mese rovente che vedrà scuole e università sfilare per strada contro le novità imposte al mondo dell’istruzione. Alle ore 10 avrà inizio da Piazza Esedra la manifestazione di protesta indetta dai Cobas contro i contenuti del decreto Gelmini, prossimo ad essere convertito in legge, e soprattutto contro i tagli previsti dalla finanziaria che, secondo Repubblica, faranno sparire 132 mila posti in tre anni e dovrebbero cancellare 2600 istituzioni scolastiche e 4200 plessi.

Per non parlare dell’Università, fortemente preoccupata per la programmata riduzione annuale fino al 2013 del fondo di finanziamento ordinario e per il taglio del 46% sulle spese di funzionamento. Ma soprattutto per la questione dei precari degli enti di ricerca che dovranno essere stabilizzati entro il 30 giugno 2009, con il forte rischio per molti di essi di rimanere disoccupati.

Non è un caso che ieri alcuni studenti abbiano bloccato simbolicamente per alcuni minuti i binari 3 e 4 della Stazione Termini gridando: «Se ci bloccano il futuro, noi blocchiamo la città».

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: