Un sms per pagare la sosta auto


Sarà successo sicuramente ad ognuno di voi: state vagando per vicoli e stradine del centro da un’ora alla ricerca di un parcheggio dove poter lasciare la macchina. Il ristorante si sta allontanando sempre di più perché la piazza è piena di auto. Finalmente vedete un posto libero, all’interno delle strisce blu. Fate manovra attentamente, entrate in retro ed infine aprite il portafoglio.

Ed è allora che si scatena lo psicodramma: il vostro portafoglio è gonfio solo di pezzi di carta (seee, magari!) e non avete monete per pagare il maledetto posto auto…

Da domani questo incubo potrebbe finire per sempre. Dal 16 ottobre, infatti, pagare la sosta della propria auto si potrà fare attraverso un semplice Sms inviato dal proprio telefonino. Il nuovo servizio per i cittadini romani si chiama Pagoposta ed è stato annunciato dal Comune di Roma e dall’Atac. La procedura per evitare per sempre la ricerca affannosa delle odiose macchinette per il ticket è molto semplice. In pratica l’unico sforzo che si dovrà fare è registrare i propri dati al contact center dell’Atac ed attivare il servizio telefonando allo 06-70300487 o mandando un Sms allo 340-4312586.

A quel punto sarà sufficiente mandare un Sms quando si arriva al parcheggio ed uno quando la sosta è terminata, senza costi aggiuntivi. Un modo utile anche per chi si trova impegnato a lavoro o in altre attività e non può tornare alla macchina per rinnovare il ticket.

Naturalmente restano due problemi: il problema del pagamento e quello della verifica da parte degli ausliari. Per quanto riguarda il primo, fermo restando che la tariffa resta la stessa (50 centesimi per mezz’ora, un euro per un’ora), l'utente potrà decidere di pagare la sosta attraverso la sua carta di credito, con bonifico bancario o tramite il suo conto corrente.

Per quanto riguarda gli ausliari, invece, non resta altro da fare che fidarsi della loro professionalità. Per verificare che la nostra auto è regolarmente parcheggiata e che noi abbiamo pagato, infatti, l’aulisare dovrà usare un piccolo palmare con il quale entrerà in contatto con il cervellone centrale, il quale a sua volta farà sapere se la nostra auto deve essere multata o no.

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: