La Nuvola di Fuksas - la città che verrà



Tutti la chiamano la “Nuvola” di Fuksas. Molti sanno già di cosa si tratta, ma non ne conoscono i particolari. Altri, invece, pur avendone sentito parlare non hanno idea di cosa sia e non sanno che dietro a questo buffo soprannome si cela uno degli edifici più belli e spettacolari che Roma vedrà sorgere nel suo immediato futuro. Ma che cosa è questa “Nuvola”?
Cerchiamo di fugare qualche dubbio.

La Nuvola altro non è che il nuovo Centro congressi di Roma, firmato per l’appunto, dall’architetto romano Massimiliano Fuksas, una delle firme più in vista dell’archiettura mondiale. Questo edificio dovrebbe sorgere in circa tre anni, apertura probabile nella seconda parte del 2010, all’Eur ed è stato soprannominato così perché è costituito da un grosso parallelepipedo di cristallo trasparente al cui interno, come sospesa nell’aria, si trova una sala-auditorium destinata ad ospitare i congressi che nei prossimi anni si terranno a Roma. Questa a sala, sua volta, è contenuta in un enorme contenitore a forma di nuvola, ricoperto da un materiale translucido in grado di riflettere la luce esterna illuminandosi la sera e facendo passare i raggi del sole di giorno.

Fin qui la descrizione generale che molti conoscono. La nuvola, però, riserva altre caratteristiche meno note.

Agli amanti degli Skyline di cristallo e grattacieli, ad esempio, farà piacere sapere che a fianco al centro congressi vero e proprio sorgerà un altro edificio già soprannominato la “lama”, un soprannome che nasce per la sua forma stretta ed alta. Questo palazzo ospiterà un Hotel direttamente collegato con l’attività congressuale della nuvola. Certo, non parliamo di un grattacielo di dimensioni newyorkesi. Dall’alto dei suoi oltre 60 metri, però, competerà per bellezza ed altezza con i piccoli grattacieli dell’Eur risplendendo grazie ai suoi vetri di cristallo bianchi.


Un’altra cosa che molti non sanno è che gli adiacenti palazzi che hanno ospitato per anni il ministero delle Finanze verranno abbattuti. Al loro posto sorgerà invece un complesso misto appartamenti e negozi firmato dall’architetto Renzo Piano. Coerentemente con la trasparenza della Nuvola anche questi edifici saranno completamente costituiti da cristallo e renderanno i due isolati sul fondo della Colombo un luogo straordinariamente moderno, architettonicamente parlando.

Si è parlato di toponomastica. Ma chi sa precisamente il luogo preciso in cui sorgerà la Nuvola? E soprattutto, chi conosce l’esatta collocazione dell’edificio e della Lama sulla piantina dell’Eur? Per rispondere a questi quesiti basta la foto che allego qui in fondo. Evidenziati sono proprio la Nuvola e la Lama di fronte alla via C. Colombo.


Un’ultima cosa, i tempi di costruzione. Il sindaco Veltroni ha annunciato che entro la fine dell’anno potrebbe essere pronto il bando finale necessario ad assegnare l’appalto e far partire i lavori tra circa sei mesi. Speriamo sia la volta buona. L'apertura prevista sarà il 2010. La Nuvola, infatti, è già incorsa in diversi problemi di carattere amministrativo. Una gara era stata già fatta ed era risultata vincitrice una ditta pugliese che però, dopo aver incassato l’appalto, ha pensato bene di gettare la spugna senza aver scavato neanche una buca con una perdita di due anni netti… Con buon pace del Comune che nulla ha potuto fino al momento della rescissione del contratto…

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: