Misteri di Roma - La sedia del diavolo

sedia del diavolo

Le immagini qui sopra rappresentano la cosiddetta "Sedia del diavolo". Perchè questo rudere che si trova in piazza Elio Callistio (quartiere Africano) è definito in modo così inquietante? La storia ci porta molto indietro nel tempo...

Il trono del demonio in realtà sarebbe il sepolcro di Elio Callistio, un liberto di Adriano. Il sepolcro, anticamente, era un importante monumento a due piani, con decorazioni, statue e pavimenti in mosaico.

Nel corso dei secoli, l'incuria e l'abbandono hanno portato questo sepolcro ad assumere sempre più la forma di una sedia (cosa che oggi ha perso completamente) e da lì si è sbizzarrita la fantasia dei romani, tanto che nel medio evo lo ribattezzarono col nome diabolico.

Secondo la leggenda la sedia venne posta dal diavolo in quel luogo, una collina in aperta campagna, proprio perchè si trova alle spalle della basilica di S. Pietro. Inoltre la notte il posto era frequentato da prostitute e vagabondi che solevano accendervi all'interno dei fuochi per scaldarsi, annerendo così le pietre. In questo modo venne reso ancora più impressionante il rudere e venne avvalorata la diabolica attribuzione.

Oggi la Sedia del Diavolo è stata completamente assorbita dall'espansione urbanistica e versa in una situazione di degrado (nalla foto sotto l'interno del sepolcro). Peccato che questi luoghi magici di Roma siano completamente dimenticati e inghiottiti dai rovi e dalle erbacce.

sedia del diavolo

Foto | Valentina per 06blog

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: