Roma a Colazione con Audrey Hepburn e in tour con Vacanze Romane

Il 20 gennaio 1993 il mondo ha perso Audrey Hepburn, trascorrendo gli ultimi venti anni a ricordare e celebrare la star di Hollywood, l'ambasciatrice dell'UNICEF e l'icona di stile, con mostre, biografie, retrospettive e rassegne. L'ultima a 50 anni da Colazione da Tiffany con Audrey a Roma, la prossima a Colazione con Audrey al Cine Club Alphaville (via del Pigneto 283), e la rassegna che dal 23 al 27 gennaio 2013 riporta sul grande scherno e nella saletta buia, film come Sciarada, Due per la strada, Gli occhi della notte, Sabrina, My fair lady e Colazione da Tiffany. Il programma sarà presto on line anche su facebook, ma lo trovate subito dopo il salto.

Una retrospettiva che lascia fuori le Vacanze Romane dirette da William Wyler nel 1953, e il tour nella città eterna di una Audrey da Oscar nei panni della principessa Anna, dalla Bocca della verità alla Galleria Colonna, passando per la piazza della rotonda al Pantheon, Fontana di Trevi e il Colosseo, Piazza Venezia e Piazza di Spagna, Via Margutta e Via dei Fori Imperiali, la Scalinata di Trinità dei Monti e il lungotevere, reso più di una suggestione dal pacchetto 'romantico' dei tour operator della capitale, ambito da turisti, cenerentole single a caccia di Dolce Vita, anche in Vespa e Lambretta, ma purtroppo senza il bel Gregory Peck.


    Rassegna Colazione con Audrey al Cine Club Alphaville

    Mercoledì 23: ore 21.00 con Sciarada, diretto da Stanley Donen nel 1963.  
    Giovedì 24: ore 21.00 con Due per la strada, la commedia romantica diretta da Stanley Donen 1967.
    Venerdì 25 si raddoppia
    alle ore 21.00 con Gli occhi della notte, il thriller diretto da Terence Joung nel 1967. 
    a seguire con Sabrina, diretto da Billy Wilder nel 1954.
    Sabato 26: ore 21.00 con My fair lady, la commedia musicale diretta da George Cuckor nel 1965, tratta dall’opera "Pigmalione" di George Bernard Shaw. 
    Domenica 27: ore 21.00 con Colazione da Tiffany, diretto da Blake Edwards nel 1962, tratto dall’omonimo romanzo di Truman Capote. 

Foto | Wikimedia

  • shares
  • Mail