Standard & Poor's abbassa il rating di Roma

Standard & Poor's logoEra nell’aria, ora ne è arrivata la conferma: Roma viene declassata da A+ ad A. No, non stiamo parlando di quelle sigle che normalmente indicano il consumo di frigoriferi e lavastoviglie, ma del rating attribuito da Standard & Poor’s agli enti pubblici.

Motivo del declassamento “…i debiti fuori bilancio, nonché il deterioramento della situazione di cassa del Comune e delle sue municipalizzate, dovuto in particolar modo a notevoli ritardi nei trasferimenti da parte della Regione Lazio”.

Ciò che desterebbe più preoccupazioni è, secondo S&P, la drastica diminuzione di liquidità a disposizione del comune di Roma, passata da una giacenza media di 827 milioni di euro nel primo semestre del 2007 a 640 milioni nello stesso periodo del 2008.

Comunque sia a tamponare il giudizio negativo sarebbe intervenuto il maxi trasferimento da parte del governo di 500 milioni di euro alla capitale e il “forte impegno della nuova amministrazione a risanare il bilancio del Comune e a non aumentare il livello di debito”.

Assieme a questi due fattori ha influito in positivo il PIL pro-capite dei cittadini romani, del 25% superiore rispetto alla media dell’EU-25 nel 2005.

Via | Messaggero

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: