Il Gip convalida l'arresto del francese che ha ridotto in fin di vita la figlia davanti l'Altare della Patria.

Il Giudice per le indagini preliminare, Claudio Carini, ha convalidato l'arresto di Julien Monnet, il turista francese che nella sera di sabato scorso ha ridotto in fin di vita la propria figlia, sbattendo ripetutamente la testa della bambina sui gradini davanti l'Altare della Patria.

Il Gip ha disposto il trasferimento dell'uomo al centro clinico del carcere di Rebibbia. Intanto a parlare è il legale incaricato della difesa dall'ambasciata francese in Italia, Michele Gentiloni, secondo il quale il suo assistito era arrivato nella capitale in preda ad una crisi mistica: "Soffre da tre-quattro anni, è schizofrenico e paranoico. Forse la sua intenzione era quella di andare a S.Pietro".

Il difensore aveva ventilato l'ipotesi di chiedere ai magistrati il trasferimento di Monnet presso una struttura sanitaria specializzata in Francia, che per il momento resterà in osservazione presso il centro clinico di Rebibbia.

Via Ansa/Repubblica

  • shares
  • Mail