Targhe alterne a Roma: giovedì 10 gennaio stop alle targhe pari

Nell'anno europeo che le politiche ambientali di Bruxelles hanno deciso di dedicare all'aria, il primo giorno di Targhe Alterne si è concluso con una multa di 155euro per il 23% dei conducenti di veicoli con targa dispari, colti a violare la limitazione del traffico nel corso dei 5000 controlli effettuati dalla Polizia Locale di Roma Capitale.

Come previsto dalla Delibera di G.C. n.242 del 19 luglio 2011, i continui superamenti dei limiti della concentrazione di inquinanti nella'atmosfera, oggi fermano anche le targhe pari - incluso lo zero, nella fascia verde della città, dalle ore 8.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 20.30, insieme ai veicoli più inquinanti, dalle 7.30 alle 20.30, ad eccezione dei veicoli di categoria “Euro 5”, ciclomotori a 2 ruote 4 tempi “Euro 2”, i motocicli “Euro 3”, i veicoli a trazione elettrica ed ibrida o alimentati a gpl e metano, e tutte quelle esentate, elencate anche dopo il salto.

    Categorie esentate dal provvedimento di limitazione della circolazione veicolare a targhe alterne, nella Fascia Verde, tra le 8.30 e le 13.30 e tra le 16.30 e le 20.30

    1. veicoli a trazione elettrica e ibridi;
    2. veicoli alimentati a metano e a GPL;
    3. autoveicoli ad accensione comandata (benzina) EURO “5”;
    4. autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) EURO “5”;
    5. ciclomotori a 2 ruote con motore 4 tempi EURO “2”;
    6. motocicli a 4 Tempi EURO “3”;
    7. veicoli adibiti a servizio di polizia e sicurezza, emergenza anche sociale,
    ivi compreso il soccorso, anche stradale, e il trasporto salme;
    8. veicoli adibiti a servizi manutentivi di Pronto Intervento e pubblica utilità
    (come ad es. acqua, luce, gas, telefono, ascensori, impianti di
    sicurezza, impianti di regolazione del traffico, impianti ferroviari, impianti
    di riscaldamento e di climatizzazione) che risultino individuabili, o con
    adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro;
    9. veicoli adibiti al trasporto, smaltimento rifiuti e tutela igienico ambientale,
    alla gestione emergenziale del verde, alla Protezione civile e agli
    interventi di urgente ripristino del decoro urbano;
    10.autoveicoli per il trasporto collettivo pubblico e privato;
    11. taxi ed autovetture in servizio di noleggio con conducente, dotati di
    concessioni comunali;
    12. autoveicoli adibiti a car sharing, car pooling, servizi Piano Spostamenti
    Casa Lavoro (PSCL) attivati sulla base di appositi provvedimenti del
    Ministero dell’Ambiente e del Territorio e del Mare o
    dell’Amministrazione comunale di Roma;
    13. veicoli con targa C.D., S.C.V. e C.V.;
    14. veicoli muniti del contrassegno per persone invalide previsto dal D.P.R.
    503 del 24 luglio 1996;
    15. autoveicoli impiegati dai medici e veterinari in visita domiciliare urgente,
    muniti del contrassegno rilasciato dal rispettivo Ordine; autoveicoli
    impiegati da paramedici in servizio di assistenza domiciliare con
    attestazione rilasciata dalla struttura pubblica o privata di appartenenza;
    16. autoveicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie
    indispensabili e indifferibili o trattamenti sanitari per la cura di malattie
    gravi, in grado di esibire la relativa certificazione medica;
    17. autoveicoli adibiti al trasporto di persone sottoposte a misure di
    sicurezza;
    18. autoveicoli adibiti al trasporto di generi alimentari deperibili, alla
    distribuzione di stampa periodica e di invii postali;
    19. veicoli aventi massa massima non superiore a 3,5 tonnellate, adibiti al
    trasporto di medicinali e/o trasporto di materiale sanitario di uso urgente
    e indifferibile adeguatamente certificato, nonché al trasporto di valori.

Durante le giornate a targhe alterne, dalle 7.30 alle 20.30, la fascia verde cittadina continua ad essere interdetta ai veicoli più inquinanti: a benzina euro 0 e 1; diesel euro 0 -1- 2; ciclomotori e motoveicoli a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi euro 0 -1.

Il trasporto pubblico di Roma Tpl anche per giovedì 10, potenzia le linee del trasporto di superficie: 5, 14, 19, 23, 30, 31, 32, 36, 40, 44, 46, 49, 60, 63, 64, 70, 75, 80, 81, 84, 85, 86, 87, 88, 90, 93, 98, 105, 170, 280, 360, 409, 451, 490, 491, 495, 542, 714, 716, 719, 780, 791, 913, 990.

Negli stessi giorni il provvedimento obbliga anche tutti i romani a mantenere la temperatura massima degli ambienti domestici a 18 gradi per non più di 8 ore, nello specifico:

- 18°C negli edifici classificati, in base all’art. 3 del D.P.R.412/93, nelle categorie E.1, E.2, E.4, E 5 ed E6;

- 17°C negli edifici classificati, in base all’art. 3 del D.P.R.412/93, nella categoria E.8

Tali disposizioni, quindi, non si applicano, agli edifici rientranti rientranti nella categoria E.3 (ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili) ed E.7 (scuole e assimilabili).

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail