Frode milionaria al fisco, otto arresti

Trecento società di pulizie con appalti negli enti pubblici risultano coinvolte in una gigantesca truffa ai danni del fisco. Una frode milionaria che permetteva di reinvestire grosse cifre nel settore edile. Otto gli arrestati, 14 gli immobili sequestrati per un valore di oltre 30 milioni di euro. Altre perquisizioni sono state fatte a Napoli, Milano, nel Lussemburgo in Gran Bretagna.

"L'associazione a delinquere - spiega la Guardia di finanza nel corso di una conferenza stampa - con ramificazioni in Lussemburgo e Regno Unito, si avvaleva di circa 300 società operanti soprattutto nel settore degli appalti di pulizie presso Enti Pubblici nonché società ed enti privati. Grazie all'illecito abbattimento delle imposte e dei contributi previdenziali ed assistenziali, riuscivano ad accumulare elevati proventi illeciti che venivano riciclati attraverso complesse operazioni finanziarie ed immobiliari e, successivamente, reimpiegati in attività economiche apparentemente lecite, nel settore immobiliare, della ristorazione, della nautica da diporto, dell'autonoleggio, del trasporto e facchinaggio".

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: