Gemelli, falsi certificati per scarcerare i detenuti

Dodici persone sono state arrestate con l'accusa di avere concesso falsi certificati medici per far uscire alcuni detenuti dal carcere. Dietro un compenso pari anche a 5000 euro, si avvaloravano tossicodipendenze e alcolismo, ed eventualmente la frequenza ai programmi di riabilitazione. I reati contestati vanno dalla corruzione al falso in atto pubblico, dal falso in atti destinati all'autorità giudiziaria all'abuso d'ufficio.

In manette è finito il medico responsabile dell'ambulatorio psichiatrico per alcolisti e tossicodipendenti del Policlinico Gemelli, Armando Colombo Taranto, e l'assistente sociale Paola Di Nasci, in servizio al day hospital di psichiatria della struttura. "Ma l'ospedale - dicono i magistrati - non c'entra. Il procedimento penale è indirizzato contro medici del Policlinico, non contro la struttura sanitaria". Della compiacenza dei medici avrebbe usufruito anche il cammorista Giorgio Lago, esponente dell'omonimo clan.

Foto | Ansa

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: