San Filippo Neri, muore per l'antibiotico sbagliato

Un uomo di 72 anni è morto all'ospedale san Filippo Neri per shock anafilattico dopo la somministrazione di un antibiotico: era allergico alle cefalosporine. L'intolleranza era stata segnalata dai parenti che avevano presentato i certificati nella cartella clinica ed era stata ribadita a medici e infermieri. Ieri pomeriggio però nella flebo c'erano proprio le cefalosporine. Giovanni Fazzini, originario di Ciampino e ricoverato lì da un mese, ha iniziato ad urlare e pochi minuti dopo è deceduto davanti alla moglie e ai due figli.

Il paziente era stato operato per un by-pass intestinale nel reparto di chirurgia oncologica, e stava lottando contro un tumore al pancreas. "Volevamo essere sicuri che tutti sapessero che mio padre non poteva assumere quella molecola - racconta Claudio, il figlio della vittima - anni fa aveva avuto due shock anafilattici e avevamo paura che un terzo potesse essergli fatale e così abbiamo tormentato tutti i dottori e tutti gli infermieri per essere sicuri che avessero capito bene". Il medico di turno, che ha somministrato l'antibiotico, si è assunto subito la responsabilità di quanto è successo. Oggi i parenti denunceranno l'ospedale.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: