La settimana dei Municipi: quanti regali per Natale!

In questa settimana di festa appena trascorsa, in cui abbiamo celebrato la vigilia, il Natale e pure il Santo Stefano, anche i Municipi di Roma hanno ricevuto un dono molto importante: l’apertura di 700 nuovi access point in circa 170 luoghi diversi della città (comprese, appunto, sedi municipali), per navigare in internet in modo veloce e gratuito fino a 4 ore. Il dono, elargito dal Campidoglio, renderà la Capitale Digit-Roma: ossia la città più coperta d’Europa quanto a rete wi-fi.

Regalo di Natale anche per il Municipio XVII: finalmente è stata riformulata la deliberazione connessa alla vicenda del parcheggio di via Teulada e quindi ora, si spera, tutto procederà più celermente, soprattutto la realizzazione dell’opera. Il Municipio X, invece, l’ha avuta vinta sul Campidoglio, che voleva stravolgere il progetto di centralità previsto per la zona della Romanina, in variante al piano regolatore datato 2008.

In Municipio II, gli auguri di Buon Natale si fanno con un flash mob che è andato in scena tra largo Somalia, piazza Fiume e piazza Santa Emerenziana, in collaborazione con l’assessorato municipale alla Cultura e in cui sono stati impiegati ballerini professionisti che hanno dato vita a uno spettacolo di danza apparentemente improvvisato.

Esito incerto, ancora, per le 200 famiglie che da ben 18 giorni abitano lo stabile di Torrevecchia ex clinica Valle Fiorita in Municipio XIX: per loro ci sarà un regalo di Natale, pur se in ritardo? Di concerto con il sindaco si sta cercando una soluzione al problema, ma per ora la riunione dei capigruppo, cui ha partecipato una delegazione degli occupanti, non ha dato alcun frutto degno di nota.

Stessa solfa, cioè stessa incertezza, per i lavoratori del Cto, l’ospedale traumatologico sull’Ostiense, Municipio XI. Riconversione o rilancio? Sotto l’albero ancora non si è spacchettato nulla. Va meglio, invece, per alcuni colleghi: ai lavoratori dell’Idi e del San Carlo di Nancy per Natale sono arrivate le raccolte alimentari allestite nei supermercati del Municipio XVIII: un totale di 4-5 tonnellate di beni distribuite alle famiglie più provate dalla lunga latitanza degli stipendi.

Va bene anche ai senza fissa dimora che gravitano nel territorio del Municipio XII, dove da qualche giorno, la comunità di Sant’Egidio, in collaborazione con le Caritas parrocchiali della Laurentina ha trovato 15 posti letto in più per fronteggiare l’emergenza freddo. A tutti noi, infatti, sembra un Natale particolarmente caldo, ma sfido chiunque a passare una notte all’addiaccio e senza opportuno equipaggiamento.

Va male, invece, per i lavoratori dell’associazione L’impronta, che dal luglio scorso ha in gestione il canile di Ponte Marconi, nel Municipio XV, ed è praticamente da allora che non vede una lira, pardon, un euro di stipendio. Superfluo dire che si occupa di un servizio molto utile alla città e anche molto delicato che ora, per forza di cose, è fortemente a rischio.

Infine, un Natale vintage è quello vissuto dal Municipio XVII: nello spazio del mercato monumentale di Prati, a Cola di Rienzo, infatti, è stata inaugurata la mostra “Il Natale immaginario. 1900-1960, iconografia di una storia italiana”. Attraverso immagini e ricostruzioni, in pratica qui si evoca il dickensiano fantasma del Natale che fu.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail