Gita fuori porta: alla scoperta del presepe

In queste ultime settimane abbiamo parlato quasi esclusivamente di mercatini, di regali (low cost visto il periodo nerissimo) e di shopping legato al Natale, ma oggi che mancano davvero pochissimi giorni alla ricorrenza più attesa dell’anno, vogliamo recuperare un po’ di spirito natalizio e proporvi una gita fuori porta tra i migliori presepi viventi e le rappresentazioni della natività più artistiche che la nostra regione ci offre.

Il più caratteristico, nonché il primo presepe del mondo, voluto da San Francesco nel remoto 1223, è quello di Greccio, in provincia di Rieti, che anche quest’anno, grazie alla pro loco, rivivrà nelle giornate del 25, 26 e 29 dicembre e 1, 5 e 6 gennaio alle ore 17.45.

Anche ad Arcinazzo Romano, in Ciociaria, da anni si allestisce un presepe vivente nella giornata di Santo Stefano, a cura dell’associazione locale Ser Cola. L’appuntamento è all’aperto, in centro città, alle 17, e l’occasione ghiotta anche per assaggiare alcune prelibatezze locali.

In quel di Viterbo, e precisamente a Corchiano, il presepe vivente è un rito che si ripete da 43 anni ed è caratterizzato dalla sua particolare teatralità: si tratta, infatti, di una vera e propria rappresentazione che è rimasta immutata nel tempo, come immutata è la sacralità del memoriale della nascita del Bambinello venuto a salvare l’umanità.

L’idea nacque tra i giovani del paese nel 1970, anno in cui per la prima volta la natività venne rappresentata nell’antico borgo, nella piazza detta “Padella”. Oggi, invece, lo si mette in scena all’interno dello splendido Monumento naturale delle Forre, cui si accede attraverso un’imponente rete viaria scavata nel tufo e risalente all’epoca etrusca. La popolazione fa a gara per accaparrarsi un ruolo in questa rappresentazione: i più ambiti sono, naturalmente quelli di Maria e Giuseppe, ma anche gli angeli e i Magi, soprattutto quest’anno che il tutto è arricchito dalla narrazione di Gigi Proietti e dalla colonna sonora di Nicola Piovani, oltre che da numerosi effetti scenici davvero unici.

Anche a Civita di Bagnoregio, un luogo straordinario e suggestivo che non ha bisogno di presentazioni, da tre anni a questa parte il Comitato permanente processione del venerdì Santo, propone un presepe vivente il 26, 29, 30 dicembre e l’1, 5 e 6 gennaio. L’atmosfera, qui, appare davvero incantata e sembra essersi fermata a centinaia di anni fa, quando Bagnoregio non era ancora “la città che muore”. Qui ammirare il presepe vuol dire percorrere un vero e proprio itinerario all’interno del borgo: se nella piazzetta principale, infatti, è rappresentata la grotta di Betlemme in cui è venuto al mondo Gesù, nelle viuzze laterali troverete mercanti di stoffe, pastori con greggi al seguito, fabbri, fornai e scalpellini al lavoro, il tutto illuminato da fiaccole e fuochi.

Passeggiare, non all’interno di un presepe, bensì tra i presepi, è possibile anche a Ronciglione, famosa, a questo punto, non solo per i carri di Carnevale. Qui il giorno dell’Epifania oltre 70 esercizi commerciali esporranno in vetrina la loro interpretazione della Sacra natività, ognuno con i materiali di propria competenza: ci saranno, ad esempio, presepi di biscotto e cioccolata di pasticceri, di rete metallica a cura dei ferramenta, di feltro, lana e pelle di chi vende tessuti e così via. Insomma: tutto all’insegna della creatività che ha coinvolto un intero paese, ma, se preferite i presepi tradizionali, vi basterà entrare in una delle tante chiese presenti.

Infine, anche la parrocchia San Giovanni Battista di Morlupo mette in scena il suo sesto presepe vivente. Il 5 e il 6 gennaio potrete visitarlo nel rione Mazzocca, nel cuore medievale del paese, e sarà un presepe statico, ossia un quadro fermo, almeno la mattina. Dopo la Messa, infatti, il pomeriggio alle 17, il presepe si animerà e verranno recitati i principali passaggi della storia del Natale. Al termine, una festa fraterna in cui saranno offerti salumi, formaggi, vino e dolci tipici della zona a tutti i partecipanti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail