Le prime mosse di Alemanno su sicurezza, espulsioni, commercio abusivo e rom. Ma i reati sono già in calo da un anno

I poteri diretti di espulsione degli extracomunitari non graditi, nonostante abbia promesso in campagna elettorale l'allontanamento di 20.000 nomadi, non li ha: per questo ha chiesto al Governo un incontro per ottenere nuove norme specifiche. Inoltre vuole mettere sul campo azioni immediate e "visibili" sul fronte di commercio abusivo e prostituzione. Infine prevede di abolire i campi rom abusivi e riqualificare i Centri di permanenza temporanea romani. Alemanno sta iniziando a ragionare sulle strategie da adottare nell'ambito della Sicurezza ed i primi abbozzi della sua strategia sono emersi ieri durante la riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica organizzato insieme al presidente della regione Zingaretti ed al prefetto Carlo Mosca.

La strategia del neo sindaco è chiara: atti immediati e di visibilità massima per mostrare che il clima è cambiato. In realtà, in attesa di normative più dirette emanate dal Governo, il primo cittadino di Roma (così come nulla poteva Veltroni e tutti i sindaci delle altre città italiane) ha le mani legate. Non spetta a lui cacciare dall'Italia gli indesiderati. Alemanno, al contrario, potrà agire sugli altri tre punti della sua strategia stabiliti ieri: azioni contro i suk di commercio abusivo, sgombero dei campi rom (sperando che questi non si ricostituiscano subito dopo come avveniva anche durante la precedente giunta), riorganizzazione del Cpt di Ponte Galeria e riformulazione del patto della sicurezza Veltroni-Amato.

Fin qui le ipotesi sul futuro. Un dato certo, però, c'è: dalla riunione di ieri è emerso che, nonostante il clima di insicurezza, i reati a Roma sono nettamente in calo, da oltre un anno. Da dopo l'omicidio Reggiani, infatti, sono stati espulsi 415 nomadi ma in totale sono stati circa 5000 i clandestini che hanno lasciato la città. Ed anche i reati sono calati: le denuncie sono pasate dalle 224 mila del 2006 alle 117 mila del 2007. Difficile che oltre 100.000 romani abbiano smesso di denunciare il reato subito tutti insieme. Più semplice credere invece che i reati siano effettivamente diminuiti...

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina: