La Tana della Lupa: San Simone Perrotta

La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3

Qualche volta il Dio del calcio si ricorda anche di noi, anzi di qualche giocatore con un cuore incredibile. Succede così che Simone Perrotta, classe '77, entra nel finale di una partita tosta e francamente bruttina in quel di Siena per salvare e risvegliare la sua, la nostra Roma.

Un'esplosione di gioia che sul serio ci risveglia da un incubo. Sì perché ci stavamo addormentando. Inutile negarlo. Sarebbe ipocrita ora fare i tronfi perché abbiamo spezzato l'incantesimo.

La verità è che la Roma stava pareggiando una partita che non meritava di perdere ma certo nemmeno di vincere. Un primo tempo di una noia mortale. Con solo un sussulto su bomba di Totti dopo un goal preso da fessi su corner.

La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3
La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3
La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3
La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3

La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3
La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3
La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3
La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3

Nella ripresa si vedeva un po' più di determinazione, contro un Siena di una pochezza imbarazzante soprattutto davanti. Il pareggio di Destro mette un po' di fiducia, ma a parte Pjanic e ancora Totti c'era poco da sperare.

Quindi l'ingresso di Simone. Il suo piccolo, chirurgico miracolo. La Roma che recupera come a Genova, e dimostra di saper giocare. Con i suoi tre uomini d'attacco. La Roma di Zeman, solo dopo la cura Perrotta.

Io voglio essere chiaro. Sono quasi commosso per come abbiamo ottenuto questo risultato. Ma lasciamo perdere le farneticazioni. La Roma ieri aveva dei mezzi giocatori in campo che giocano e si battono ma non possono essere titolari di una squadra che punta in alto. E vi elenco anche chi sono: Goicoechea, Piris, Balzaretti, Bradley e Tachtsidis. Mezza squadra, è troppo.

voti e pagelle

Goicoechea 5,5 Quella palla su calcio d'angolo deve essere sua. Non puoi rimanere fra i pali.

Piris 6 Stavolta meglio in difesa, ma non possiamo costruire con le sue "illuminanti" discese.

Castan 6,5 La parte buona della difesa.

Marquinhos 7 Vedi sopra. Con lui abbiamo finalmente una coppia di centrali decenti. E si vede perché si traballa molto meno.

Balzaretti 6 Un po' meglio. Ma quello che non capisco è perché c'era tanta attesa per questo giocatore. Vi ricordate la finale con la Spagna?

Pjanic 7 Ecco qualcuno da custodire con grande attenzione. Solo per sfortuna non segna, ma è il più lucido nel puntare la porta e aprire il gioco. Perfetto nell'assist del 3 a 1, splendido per l'attaccamento alla maglia.

Tachtsidis 5 Non si può nemmeno condannarlo. E' quello che è. E ce la mette tutta. Ma quando esce per Perrotta 8, suo zio praticamente, viene una nostalgia... Simone, un vero mito.

Florenzi 6 Lo escludo dalla lista suddetta perché a volta fa vedere anche un buon piede, come nell'occasione del pareggio. A volte però. Esce per Marquinho s.v. solo per mangiare secondi.

Bradley 5 Fuori ruolo è spaventoso. Ma chi è che continua a proclamarlo un fenomeno? Ieri sembrava un giocatore con la febbre. Alta. Quando ritorna nel suo posticino se la cava. Ma come facciamo a considerarlo inamovibile? Forse perché si muove al replay?

Totti 7 Caparbio, tosto, sempre in grado di liberare l'uomo. Troppo spesso vanamente. Confeziona con Miralem l'ultima azione perfetta.

Destro 7,5 Finalmente Mattia. Finalmente. Vediamo di non tornare Destro solo a Siena...

Zeman 6,5 Indovini il cambio di Simone e lui ti salva. Non lo dimenticare mai.

La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3
La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3
La Tana della Lupa: Siena Roma 1 - 3

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail