Roma vista dai giornali stranieri. I luoghi preferiti di Valentino Garavani

E' una moda sempre più in voga in format, trasmissioni e articoli che riguardino il turismo internazionale: ovvero esplorare una città o un Paese facendosi guidare da una passione. Quella del cinema, ad esempio – pensiamo agli itinerari della Roma della Dolce vita Felliniana – quella dello sport – il tour degli Stadi, e così via.

Nessuna sorpresa quindi se fra le tante proposte per conoscere la città Eterna quest'anno il Telegraph scelga di immaginare di seguire le orme di Valentino Garavani, uno degli artisti - per me è giusto definirlo così - più fedeli a Roma, a cui in questi giorni a Londra viene dedicata una mostra monumentale, con l'esposizione dei suoi più bei modelli indossati dalle star di tutti i tempi.

Infatti andiamo a scoprire che secondo l'articolista, se amiamo lo stile di Valentino dovremmo apprezzare ad esempio l'Appia antica, dove Valentino ha una residenza in cui passa gran parte dell'anno, scelta curiosa visto che già nel pieno della sua carriera la scelta di rimanere a Roma e non trasferirsi a Milano era sembrata in qualche modo controtendenza, nota il giornalista.

Ad esempio la sede del brand Valentino è in Palazzo Mignanelli, vicino piazza di Spagna, e dopo averla visitata, se si vuole, è bello – suggerisce la testata - andare alla scoperta degli artigiani che, nei dintorni di via Condotti, ancora lavorano a mano le pelli (tante le botteghe, quasi sempre di lusso, di guantai e maestri delle scarpe fatte a mano, in zona).

Di sicuro è un modo alternativo di scoprire Roma al di fuori dei soliti itinerari turistici, Colosseo-Pantheon-Piazza di Spagna, almeno. Curiosità: uno dei ristoranti preferiti di Valentino è Al Moro, in vicolo delle Bollette 13 (il prezzo medio supera i 60 euro, veniamo avvertiti) oppure Dal Bolognese a piazza del Popolo, uno degli indirizzi preferiti di un altro stilista, Karl Lagerfeld, quando è in visita a Roma.

Foto | Flickr
Via | Telegraph

  • shares
  • Mail