Probabile matrice antisemita per l'aggressione squadrista al Drunken Ship

L'inquietante matrice nazifascista prende corpo dietro all'aggressione di due notti fa all'interno del pub di campo de'Fiori, Drunken ship, teatro di un blitz ad opera di una squadraccia di presunti ultras trasversali alle tifoserie di Roma e Lazio ai danni di alcuni tifosi del Tottenham.

La vicenda ormai trascende dalla sola cronaca nera e sconfina nel territorio della xenofobia antisemita. A supporto di questa tesi tre indizi, che di solito fanno una prova. 1) Quando ultras romanisti e laziali si saldano per un blitz violento non c'entra il tifo, la motivazione è l'odio politico. In passato è stato così, per gli assalti alle caserme delle forze dell'ordine e per agguati in salsa nazifascista contro obiettivi vicini all'ebraismo o al mondo alternativo di sinistra. 2) In curva nord, durante la partita di ieri, si sono alzati cori quali "Juden Tottenham". Che a tutti sono sembrati quasi una rivendicazione ideologica da parte, non dei veri tifosi laziali, ma dei gruppetti di estrema destra presenti nel mondo ultras biancoceleste. Molti testimoni raccontano, poi, di aver sentito grida come "ebrei di merda" durante l'agguato al pub 3) Gli arrestati e gli oggetti sequestrati (tra cui oggetti con scritte "Onore a Gabbo", tipico linguaggio della destra radicale) suggeriscono che i partecipanti della squadraccia del blitz siano simpatizzanti dell'estrema destra. Insomma, se davvero è così, se venisse confermata la matrice antisemita (il Tottenham è squadra vicina alla comunità ebraica londinese) bisogna arrestare questa gente e buttare via la chiave per un decennio con l'accusa di tentato omicidio aggravato da motivazioni xenofobe. Per dovere di cronaca segnaliamo anche che esiste una seconda pista.

Secondo alcune ricostruzioni l'assalto sarebbe stato organizzato da alcuni ultras romanisti che avrebbero scambiato gli inglesi al pub per supporter di un'altra squadra, quelli del West Ham (la squadra dell'odiato Di Canio), arrivati a Roma per sostenere i laziali che devono giocare contro il Tottenham. Un intreccio da fantacronaca, secondo il nostro modesto parere, a cui, però, dovrà dare risposta la magistratura.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail