Sciopero dei benzinai: i distributori aperti a Roma

sciopero dei benziani Roma 12-14 dicembre

Secondo giorno di serrata, la maggior parte dei distributori della capitale continua ad essere chiusi, dal GRA alle pompe bianche «low cost», ma qualche eccezione c'è! Aspetto segnalazioni se ne avvistate altre!


Sciopero dei benzinai e manifestazione


Nella spirale di protesta che infuria in città, finiscono anche i Benzinai pronti ad una serrata di tre giorni, senza fornire alcuna garanzia dei livelli minini di servizi, indetta dalle organizzazioni sindacali di Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, dal 12 al 14 dicembre 2012. Le code ai distributori iniziano prima (gallery), la chiusura dei distributori si preannuncia totale, estesa anche a quelli sul GRA e sulle tratte autostradali, ad eccezione di uno ogni 100 chilometri.

Per non farci mancare niente il primo giorno di sciopero è propiziato anche da una bella manifestazione nazionale davanti a Montecitorio. In realtà questa è solo la prima tappa di un calendario di scioperi già programmato per l'ultimo mese dell'anno pronto a fare il botto, tra il 21 e il 23 dicembre con un "No-Rid Day" dei gestori che manderanno insoluto il pagamento di una fornitura di carburanti come parziale anticipo sull'adeguamento della propria remunerazione, e dal 24 al 30 dicembre quando gli stessi accetteranno solo contanti per pagare il "pieno".

sciopero dei benziani Roma 12-14 dicembre
sciopero dei benziani Roma 12-14 dicembre
sciopero dei benziani Roma 12-14 dicembre
sciopero dei benziani Roma 12-14 dicembre
sciopero dei benziani Roma 12-14 dicembre


«I gestori - spiega la nota - protestano contro l'industria petrolifera che non rispetta gli accordi economici e contrattuali e viola precise norme che impongono alle stesse l'obbligo di negoziare con Associazioni di categoria il rinnovo delle intese. La Faib unitamente alle altre Associazioni di categoria contesta l'idea secondo la quale l'industria petrolifera vorrebbe azzerare diritti della categoria conquistati negli anni, facendo tornare i benzinai a prima degli anni '70 quando i rapporti economici e contrattuali erano imposti esclusivamente all'industria petrolifera al singolo gestore».


«Le associazioni categoria contestano inoltre la mancata applicazione di una norma approvata e convertita in Legge dal Parlamento il 24 marzo scorso che prevedeva la gratuità per i benzinai delle carte di pagamento dei carburanti (bancomat e altro) che incidono sul reddito di gestione per il 50%. Per questa ragione e se non interverranno novità significative, la protesta proseguirà con la sospensione dell'accettazione delle carte per il rifornimento a partire dal 24 dicembre e fino al 30 dicembre».

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail