Migliora il mare del Lazio: coste balneabili per 27 km

Si avvicina la primavera e con essa arrivano le prime sentenze sulla qualità dei litorali. Per il Lazio ci sono buone notizie: dopo essere stati vietati nell'estate 2007 a causa del troppo inquinamento, oggi tornano balneabili 27 chilometri e mezzo di costa, di cui 26 concentrati nella provincia di Roma. Le nuove analisi compiute infatti dal 1° aprile al 30 settembre 2007 dai tecnici dell'agenzia regionale protezione ambiente hanno permesso la rimozione dei divieti, dunque si potrà fare il bagno a Fiumicino, a Ladispoli, ad Anzio e a Santa Marinella.

Spiega l'assessore all'Ambiente Filiberto Zaratti: "Nella provincia di Roma la situazione è nettamente migliorata rispetto all'anno precedente, quando, su 141,5 chilometri di costa, 50,3 erano chiusi per inquinamento, pari ad una percentuale del 35,5%. Ora la percentuale di spiagge proibite è scesa al 18%, grazie ad una serie di interventi messi in campo per ridurre le cause dell'inquinamento". In questi mesi una task force ha prodotto un catasto degli scarichi non a norma lungo i corsi d'acqua, provvedendo a farli chiudere, e diversi impianti fognari sono stati dotati di collettore per essere collegati al sistema di depurazione.

"E' in corso di realizzazione un piano straordinario di interventi finanziati con 365 milioni di euro - dice Zaratti - tutti i comuni della regione verranno dotati di un sistema fognario e di depurazione. In questo modo arriveremo pronti alla scadenza europea del 2016, quando scatteranno salatissime sanzioni per i paesi che non hanno raggiunto un buon livello di depurazione delle acque". Il Lazio è la sesta regione in Italia e la prima a recepire la normativa europea, che regola appunto le linee guida per preservare le acque dall'inquinamento.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: