Rapporto Caritas: salgono gli immigrati a Roma

Roma è la città italiana con il maggior numero di immigrati. A dirlo è il IV Rapporto sull'immigrazione redatto dall'Osservatorio Romano sulle migrazioni della Caritas. In un anno l'aumento è stato di 14.935 unità, con un incremento percentuale pari al 6,3. Nel dettaglio, quattro stranieri su cinque sono in età di lavoro, il 56,8% è celibe o nubile, e il 39,5% coniugato. Cresce però il numero di coloro che si sposano con un italiano.

La comunità più presente nel territorio della Capitale è quella rumena; seguono quella polacca, ucraina e quella albanese. Gli africani sono più di 38 mila, molti di provenienza egiziana; numerosi anche i marocchini e gli etiopi. I cittadini di origine asiatica sono 73.152; filippini, cinesi e bengalesi costituiscono oltre la metà degli stranieri asiatici residenti a Roma. Nella provincia vivono invece poco più di mille stranieri, soprattutto nei comuni di Guidonia Montecelio, Fiumicino e Ladispoli che hanno registrato una crescita di circa 400 unità ognuno. In termini percentuali salgono Nettuno e Pomezia; un dato curioso riguarda i Castelli Romani e Santa Marinella: in queste località vive la quota più alta di donne immigrate.

Fonte | Caritas

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: