Premio Coppedé: fra i vincitori Enrico Montesano e Umberto Croppi

premio coppedé

Giunto alla Terza Edizione il Premio Coppedé si rivolge a tutti i romani e consiste nella stesura di un racconto breve, ambientato in alcuni angoli e quartieri della Capitale, come appunto il noto Coppedè.

Un'occasione e un'opportunità per promuovere la città dipingendo tutte le sue contraddizioni e le innumerevoli sfaccettature per stimolare, così, anche la vena letteraria insita in molti, persino troppi cittadini.

Vincitrice della III edizione è Alessia Rosati, studentessa di 22 anni, prima classificata con il racconto “Me” ambientato a Villa Borghese. Fabiana Ferri, giornalista trentenne, conquista il secondo posto con la sua novella “La disperazione ha il sapore dell'acqua”, mentre il terzo posto va ad Alberto Bosani, 35 anni impiegato di banca, con la storia dal titolo “Asclepioi Soteri”.

Si sono poi aggiudicati il Premio Speciale quegli autori che sono riusciti a mettere in risalto particolari aspetti della romanità. Anche quest'anno ci sono autori e personaggi pubblici di primo piano: da Umberto Croppi che attraverso le pagine del suo “Romanzo Comunale” (Edizioni Newton Compton) racconta i segreti dei palazzi del potere della Capitale, ad Enrico Montesano, che riceve il riconoscimento per la storia dal sapore ovviamente cinematografico descritta nel suo libro “Un alibi di scorta” (Gremese Editore).

Premio Speciale anche all'attore di teatro e cinema Marco Falaguasta che, insieme a Mauro Graiani, ha scritto una commedia sul matrimonio dal titolo “Facile smettere di sposarsi” (Edizioni Kowalski) e alla giornalista Paola Staccioli e alle sue “101 donne che hanno fatto grande Roma” (Edizioni Newton Compton): da Cornelia madre dei Gracchi a Ilaria Alpi, per una visione della Città Eterna al femminile.

E ancora, Sergio Pucciarelli per “Il Nero e la Rossa” (Gremese Editore), una storia d'amore ambientata negli anni di piombo e Roberto Costantini autore del fenomeno editoriale del 2011 "Tu sei il male" (Marsilio Editori). Infine, il premio speciale va anche alla storica voce romana di Giorgio Onorato per il contributo nella divulgazione della romanità.

La cerimonia conclusiva si terrà oggi, dalle 17, nell'Aula Chiesa, presso la sede di viale Romania dell'Università Luiss. Il concorso è organizzato dall’Associazione Culturale "La penna e il Fioretto", con il contributo di Roma Capitale Assemblea Capitolina e di Eur S.p.A. e con il patrocinio dell’Università Luiss Guido Carli, di Biblioteche di Roma, dell’Acquario di Roma Expo e della Presidenza del Municipio Roma 2.

  • shares
  • Mail