Il programma di Rutelli: 150 righe, 10.000 case popolari e chiusura di Casilino 900

Non più di 150 righe di programma: cinque priorità: costruire 10.000 case popolari in cinque anni, arrivare in tutta Roma alla raccolta differenziata puntando al 35% del totale, chiudere il campo Rom Casilino 900, aprire altri 8000 posti negli asili, non fermare il piano sulle metropolitane già avviato da Veltroni: metro B1, C e D. Senza scordare il decoro. Dopo le prime anticipazioni sulle proposte di Alemanno e poi dello stesso candidato del centro sinistra, eccolo finalmente il programma per il Campidoglio di Francesco Rutelli.

Le 150 riche che rappresentano il programma elettorale del già sindaco di Roma sono state presentate ieri sera: tra le varie proposte spicca quella per risolvere, speriamo, il problema più grande che ha Roma: la casa. "Vogliamo realizzare 10 mila case popolari, 10 mila case in affitto agevolato e 6 mila alloggi per studenti" si legge, in particolare, nel programma del candidato sindaco. Per quanto riguarda il traffico, invece, la ricetta è quella di proseguire il lavoro già incanalato dalla precedente giunta: metro C e B1 entro il 2011 (tutta la C entro il 2015), partenza dei lavori della linea D nel 2009 e chiusura nel 2015, prolungamenti e ammodernamento per le linee A e B e un nuovo Patto con le Fs e Regione per rafforzare la rete delle ferrovie metropolitane. Anche sugli asili, infine, l'idea è quella di continuare un cammino già intrapreso da Veltroni con il raddoppio dei posti negli asili dal 2001 al 2007 da 8300 a 16.355. "Servono - si legge - ulteriori 8 mila posti negli asili nido".

Per evitare il caos rifiuti e scene simili a quelle di Napoli Rutelli punta poi sulla differenziata. L'obiettivo è estendere il porta a porta arrivando al 35%. Come a dire: in attesa che la regione costruisca i gassificatori-inceneritori il comune può dare un contributo fondamentale con la raccolta della spazatura da riciclare. Infine la sicurezza: "Il campo nomadi Casilino 900, il più grande di Roma sarà sgomberato" ha detto Rutelli che poi ah aggiunto: "Impediremo nuovi insediamenti, pretendiamo la legalità e saremo inflessibili nei confronti di chi non rispetta le regole".

Tra le altri voci del programma, infine, spiccano queste: sul fronte "verde" Rutelli vuole piantare mezzo milione di alberi in 5 anni, moltiplicare i mezzi elettrici e utilizzare sempre più l'energia del sole. "Un asse fondamentale della riorganizzazione della città - si legge ancora - riguarderà la cura, la pulizia e la manutenzione". Per farlo si pensa di creare pattuglie miste della polizia municipale con la guardia di finanza per contrastare l'abusivismo commerciale e pattuglie miste della polizia municipale e dei carabinieri per il controllo del territorio.

Infine c'è il progetto delle Centoscuole. Rutelli vorrebbe l'apertura degli istituti durante tutta la giornata daffinchè possano diventare il centro della vita e della socialità dei quartieri per anziani, e giovani alal ricerca di spazi per fare sport, concerti o musica.

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina: