Manifestazioni e protesta chiudono e deviano Roma dal 7 al 10 novembre 2012


Dopo il No Monti Day, aspettando con timore lo sciopero generale del 16 novembre, il calendario della nuova settimana di protesta, resta a braccia conserte e arroventa l'asfalto calpestato dai manifestanti in corteo, prendendo in ostaggio trasporto pubblico e mobilità privata, mercoledì con due sit-in in centro, giovedì in corteo a Cinecittà, venerdì nel gettonato largo Bernardino da Feltre, sabato con due cortei e un flash mob a piazza del Popolo.

Mercoledì 7 ottobre, dalle 10 alle 14, gli studenti del liceo Artistico di via Sarandi, protestando a piazza Sempione contro "i tagli alla scuola pubblica", hanno spinto la Questura di Roma a fare tesoro dei tafferugli precedenti, disponendo sin dalle 8 il divieto di sosta con rimozione, di tutti i veicoli in sosta sulla piazza, compresi motocicli e taxi, con possibili deviazioni e fermi a vista per le linee 60, 60L, 84, 211, 311, 342, 343 e 344.

Ancora mercoledì, dalle 10 alle 14 il sit-in a via Molise, rischia invece di causare cambi di percorso alle linee bus in transito su via Veneto, piazza Barberini e via del Tritone, ovvero la 52, 53, 61, 62, 63, 80, 80B, 83, 85, 116, 160, 175, 492 e 590.

Giovedì sono ancora gli studenti in corteo da piazza di Cinecittà a largo Appio Claudio, sfilando dalle 9 alle 14, per viale Tito Labierno, via Quintilio Vari, largo Giulio Capitolino, a poter causare deviazioni e rallentamenti del traffico pubblico e privato.

Venerdì dalle 9 alle 11 il corteo del Movimento studentesco nazionale contro i tagli della scuola, parte da viale Beethoven (fronte Ufficio Postale) per tornarci, dopo aver percorso viale Europa, via Tupini, via Pasteur, viale della Civiltà del Lavoro, e aver causato eventuali rallentamenti e fermi a vista per le linee 31, 708, 709 scolastica, 762, 779 e 780, in transito nella zona.

Dalle 9 alle 13, è stata revocata la manifestazione promossa dagli studenti del blocco studentesco in piazza Pier Carlo Talenti, altezza via Ettore Romagnoli, che rischiava di rallentare e/o deviare le linee 60, 60L, 342, 343 e 344.

Ancora venerdì, dalle 10 alle 14 si torna a largo Bernardino da Feltre, nei pressi del ministero dell'Istruzione, con una manifestazione di circa 200 persone, che per motivi di ordine pubblico, sin dalle 9 dispone la sgombero di tutti i veicoli in sosta in largo Bernerdino da Feltre, e sul tratto di viale Trastevere, tra viale Girolamo Induno e largo Bernardino da Feltre, mentre la sede del ministero resta transennata, i cassonetti Ama rimossi e, in caso di occupazione di viale Trastevere, saranno deviate o limitate anche le linee 3B, H, 8, 44, 75, 115 e 780.

Il Sabato del villaggio fa come al solito il pienone. Dalle 9 alle 13, il sit-in a piazza Santi Apostoli per lo "Stipendio Day", indetto dalla federazione Confasal-Unsa, per il rinnovo del contratto di categoria dei dipendenti pubblici, sin dalle 7 fa scattare lo sgombero di tutti i veicoli in sosta in piazza Santi Apostoli, compresi motocicli, nel tratto compreso tra via Cesare Battisti, via IV Novembre e vicolo del Piombo. Durante l'evento la piazza resta transennata della piazza, mentre rischiano deviazioni o limitazioni le linee bus H, 40 e 60Express, 64, 70, 117 e 170, in transito su via Cesare Battisti.

Dalle 15 alle 19, le circa 3 mila persone del corteo indetto del Coordinamento Scuole di Roma, sfilano da piazza dell'Esquilino a piazza SS Apostoli, percorrendo via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali, piazza Venezia e via Cesare Battisti, rischiando di limitate o deviate su percorsi alternativi le linee C3, H, 16, 30 e 40Express, 44, 46, 53, 60Express, 62, 63, 64, 70, 71, 75, 80, 80B, 81, 83, 85, 87, 117, 119, 160, 170, 175, 271, 360, 492, 571, 590, 628, 649, 714, 715, 716, 780, 781, 810 e 916.

Anche in questo caso la Questura di Roma, sin dalle 7 ha disposto la rimozione dei veicoli in sosta da piazza dell'Esquilino e da piazza SS Apostoli, nel tratto compreso tra via Cesare Battisti/via IV Novembre e via SS Apostoli, deviando su percorsi alternativi le linee bus H, 40, 60, 64, 70, 117 e 170 in transito nella zona.

Stessa cosa, dalle 15 alle 19 per le 1000 persone del corteo in Prati, indetto dal Movimento sociale per l'Europa, che sfila da piazza Risorgimento a piazza Cavour (fronte scalinata Palazzo di Giustizia), e dalle 10 chiude piazza Risorgimento e piazza Cavour, transennandola, così come chiude le strade al passaggio del corteo, deviando o limitando il percorso delle linee bus e tram 19, 23, 30, 32, 34, 49, 70, 81, 87, 224, 271, 280, 492, 590, 913, 926, 982 e 990.

In ogni caso, dalle 15 alle 18, anche i 10 mila giovani del Social network "Roma Flash Bob" saranno a piazza del Popolo, pronti ad offrire un bel contributo alla mobilità della zona e delle vie dello shopping.

La settimana di protesta si chiede domenica, dalle 10,30 alle 14, con la manifestazione in Largo Bernardino da Feltre indetta dai docenti delle scuole medie e superiori "contro i tagli alla scuola pubblica", che sin dalle 8, sgomberano i veicoli in tutta la zona, rischiando di deviare il percorso del traffico privato e delle linee del trasporto pubblico 3B, H, 8, 44, 75, 115 e 780.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail