Cinema Roma a rischio chiusura: meglio i multiplex?

Ne avevamo parlato, in occasione delle tante e intense proteste degli operatori. A Roma tantissime sale cinematografiche negli ultimi anni hanno abbassato le saracinesche, rendendo senza dubbio più povera l'offerta culturale della nostra città.

In particolare, negli ultimi venti anni, si è registrata una vera e propria moria, e anche se non tutti di noi, causa età anagrafica, li ricordano, fa impressione scorrere l'elenco delle sale che hanno chiuso i battenti (anche se ci sono delle eccezioni come la riqualificazione dell'ex cinema Avorio o del Kino, e per fortuna). Sono infatti più di trenta.

Come, tanto per citarne qualcuno (quelli che io personalmente conoscevo, ad esempio) l'Etoile, il Rex, l'Augustus, l'America, il Rouge Noir, il Capranica. Ma ci sono stati anche il Ritz, il Triomphe, l'Aureo, il Capitol, il Paris e così via, purtroppo.

Ora la brutta notizia è che questo elenco potrebbe allungarsi. Infatti, come hanno sottolineato i lavoratori delle sale a rischio chiusura, hanno già chiuso o sono a rischio di imminente chiusura anche il Troisi, il Gregory e il Metropolitan, l'Admiral e il Maestoso, l'Embassy e l'Empire.

Per tutti loro – come si è ipotizzato anche per Cinecittà – il destino è diventare magari sale giochi, centri commerciali, alberghi. Per non contare chiaramente i destini di chi con la loro chiusura perderà l'impiego, come i dipendenti dei circuiti ex Cecchi Gori e delle sale presenti nel centro storico. Destinate, chissà, a cedere il passo ai Multiplex e alle Multisale accorpate ai grandi centri commerciali.

Dove vi piace andare al cinema? Preferite i multisala o le piccole sale (come me?) Di quale delle sale citate vi dispiacerebbe la chiusura?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail