Crisi economica della Grecia, prostitute greche a Roma

Triste, tristissima notizia di cronaca che nel piccolo ci apre gli occhi sulla gravissima crisi che stanno vivendo a due passi da casa nostra. La cronaca, dicevamo: come segnalano gli addetti delle Forze dell'ordine sulle strade romane stanno arrivando molte ragazze a prostituirsi, dalla Grecia.

Un fenomeno nuovo, che riportano le forze dell'ordine, impegnate a debellare il fenomeno, come si sa. Le news riportano ad esempio della identificazione di una giovane di Patrasso che è stata fermata mentre si era appostata lungo la Tiburtina e di un'altra ragazza di Igoumenitsa che ha avuto una lite con due altre prostitute bulgare lungo la Prenestina.

Infatti, come leggo,
"

A giudicare da quello che si legge sui giornali non vedo più molte differenze tra la povertà di alcune aree della provincia ellenica e quella dei territori vicini alla Moldavia (Romania settentrionale, ndr) – ha detto un funzionario della polizia romena in Italia a Il Messaggero - che nel corso degli anni ha proiettato in Italia centinaia di prostitute".

Come spiegavamo in apertura si tratta di una notizia - questa della coincidenza ondata di prostitute-crisi economica - che apre gli occhi, e lo dico da donna, su cosa significa per i “clienti” italiani alimentare questo tipo di mercato dei corpi.
Ovvero cosa significa alimentare lo sfruttamento – gestito naturalmente dalle mafie nazionali del caso – di esseri umani costretti a sottoporsi a questa vita (e a far finta, con i clienti, di farsela piacere, aggiungerei) a causa magari di un momento economicamente critico. Il tutto, magari, per mandare i soldi a casa, ecco. Cosa ne pensate?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: