No Monti Day del 27 ottobre: Roma si blinda!

No Monti Day Roma 27 ottibre 2012

Con precedenti di vera guerriglia urbana capace di mettere a ferro e fuoco l'asfalto, anche quando la città è blindata, la folla esasperata di persone, organizzazioni sociali e sindacali, forze politiche e movimenti civili, attesa in città con il No Monti Day di sabato 27 ottobre, o quella scalmanata che tornerà allo Stadio Olimpico domenica 11 novembre per il derby, una certa apprensione la creano.

Per evitare che si ripetano gli incresciosi disordini e il crescendo di violenza esplosa durante il corteo degli indignati del 15 ottobre 2011, che le condizioni meteorologiche e gli allagamenti della notte non facilitano, la questura di Roma e tutte le parti in causa hanno già iniziato ad organizzarsi. Si parte "Con l'Europa che si ribella. Cacciamo il governo Monti", un motto, uno striscione, un obiettivo ... che sfila con la finanza " di cartapesta", l'enorme piovra che con i suoi tentacoli manovra burattini come Monti, Draghi, Berlusconi, Obama,la Merkel.

News e deviazioni in aggiornamento costante dopo il salto.

Dalle 15 alle 20 il corteo del No Monty day, porterà circa 30 mila dimostranti da piazza della Repubblica a piazza San Giovanni, che contano gli studenti e i precari della scuola, i sindacalisti di base e gli ambientalisti il Movimento No Tav della Valsusa, il Comitato No Debito, esponenti dei centri sociai di tutta Italia, i delegati del Carbosulcis, Fincantieri, Fiat di Pomigliano, di Mirafiori, di Melfi, della Val di Sangro e tante sigle dell'estrema sinistra al fianco di personalità istituzionali come il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris.


Con il 15 ottobre 2011 stampato nella memoria, e le recenti scorribande studentesche a rinfrescarlo, si temono infiltrazioni nel corteo e alla vigilanza delle forze dell'ordine il Cobas ha annunciato la presenza di 300 uomini con le pettorine per garantire la sicurezza dei partecipanti.

Le misure di sicurezza iniziano già venerdì pomeriggio con la nuova segnaletica dei divieti, sistemata a Piazza della Repubblica, via Cavour, Piazza Esquilino, via Liberiana piazza Santa Maria Maggiore, via Merulana, viale Manzoni e Piazza San Giovanni.


Il percorso del corteo blindato, sfilando per via Terme di Diocleziano, via Giovanni Amendola, via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali e piazza del Colosseo, e deviando le linee C3, H, 3, 5, 14, 16, 40, 53, 60, 60L, 64, 70, 71, 75, 80, 81, 82, 85, 87, 105, 117, 170, 186, 175, 271, 360, 571, 590, 649, 673, 714, 810 e 910.

Dalle 14 chiudono anche le stazioni metro linea A San Giovanni e Manzoni (lasciando in sostituzione quelle di Vittorio o Re di Roma), dalle 14.30 le linee tram 3-5 e 14 limitano il servizio in piazza di Porta Maggiore, senza servizio sostitutivo bus tra Porta Maggiore, Termini e Piramide.


Inoltre, per motivi di ordine pubblico la Questura di Roma ha disposto sin dalle 12 di sabato lo sgombero dei veicoli in sosta, compresi motocicli e taxi, lungo tutto il percorso interessato al corteo, oltre che in piazza San Giovanni in Laterano, piazza della Repubblica e piazza di Porta San Giovanni.

Lo stesso divieto nell'area interessata dalla manifestazione si estende a furgoni bar e bancarelle di souvenir, mentre viene transennata tutta la zona interessata alla manifestazione, in particolare il perimetro del sagrato della Basilica di San Giovanni in Laterano a protezione della Scala Santa.

Misure di sicurezza straordinarie per una città antiblack-bloc che prevede un migliaio di uomini delle forze dell'ordine, strade chiuse e sgombre di auto e cassonetti e il servizio d'ordine di "autotutela" interno alla stessa manifestazione.

Per tutte le altre deviazioni della giornata potete approfittare della nostra rubrica della mobilità costantemente aggiornata.


Aggiornamenti ...

Prima le scritte scritte 'Monti e Fornero al cimitero' con la vernice spray, poi la banca Unipol diventa il bersaglio del lancio di vernice e fumogeni (da youtube il video di Angela Mauro di Huffington Post Italia) al passaggio del corteo, che a quanto pare provengono dall'area affollata di studenti ed esponenti dei centri sociali.

Anche il Monte dei Paschi di via Merulana non passa indenne al passaggio del corteo. Brucia qualche cassonetto. La strada è in fermento, e sfila anche su quella digitale con Twitter e instagram e youtube e le foto di ateneinrivolta in costante aggiornamento su Flickr. Chi non è ancora arrivato tra via Labicana e via Merulana, trova il blocco della polizia su facebook.


Una parte di manifestanti deviando dal percorso prestabilito svolta verso Porta Maggiore, invasa e bloccata. Traffico in tilt. Gli studenti non si vogliono fermare a San Giovanni. I precari sono della stessa opinione.

No Monti Day Roma 27 ottibre 2012

La squadre antissommossa lasciano Porta Maggiore dirette a San Lorenzo, l'elicottero svolazza su tutto. Già bloccato il traffico in entrambe le carreggiate dello Scalo San Lorenzo, ma il corteo degli studenti prosegue per la tangenziale est, alla quale basta molto meno per bloccarsi, dritti fino all'ingresso dell'A24. Anche Roma - L'Aquila è bloccata, mentre qualcuno straparla a San Giovanni.

No Monti Day Roma 27 ottibre 2012

Si torna indietro, verso La Sapienza e non mancano i cori contro Alemanno. La tangenziale A24-Passamonti verso Olimpica, da Castrense a Scalo San Lorenzo, direzione San Giovanni, resta chiusa, mentre si riaprono le stazioni della metro A Manzoni e San Giovanni, e le linee tram 5 e 14 sono ripristinate su intero percorso ma in forte ritardo.

Poi la polizia carica a via Nola, volano bottiglie e petardi, na è solo un'alleggerita della zavorra e della tensione, tanto per giocare a guardia e dimostrante, mentre l'elicottero butta l'ancora su Porta Maggiore.

Si contano i minuti che mancano alla fine, come allo stadio, mentre qualcuno continua a dire che un corteo pacifico non farà mai scalpore in Italia, altri si accorgono dell'innaturale silenzio dei media nazionali, due righe su questo corteo selvaggio si leggeranno sicuramente, mentre la tv ci aggiorna sui grandi 'cambiamenti in atto della politica' con il povero Berlusconi 'costretto' a ri-candidarsi. Quindi ci aggiorniamo per il No Berlusconi Day Revenge!


Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail