Cirinnà: più tollleranza per i cani sui bus

Un servizio pubblico da cani. Ma questa volta il richiamo agli amici a quattrozampe si riferisce al recente caso di un passegero cacciato da un autobus perché teneva al guinzaglio il suo cane, e non alla qualità della mobilità di Roma. Monica Cirinnà, consigliere delegato ai Diritti degli animali, interviene a riguardo e afferma che gli animali possono non solo viaggiare sui mezzi pubblici, ma anche entrare in bar e ristoranti. E fa un appello ai cittadini affinché, in questo periodo di feste, "dimostrino più tolleranza verso i nostri cittadini non umani".

Secondo il regolamento di tutela degli animali del Comune di Roma (art. 13 e 32), "tutti i cani a guinzaglio e con museruola possono usare i mezzi pubblici; anche i gatti, che devono però stare nell'apposito trasportino. Per i mezzi su rotaia, salita e discesa dei quattro zampe sono possibili sul primo e sull'ultimo vagone. Sarà cura del proprietario assicurare che non sporchino e che non disturbino gli altri passeggeri". Quanto all'ingresso negli esecizi pubblici - prosegue Cirinnà - "cani accompagnati al guinzaglio possono entrarvi, tranne che in quelli dove viene segnalato il divieto e dove il proprietario si affretta a comunicare di non fare entrare gli animali".

fonte | repubblica.roma.it

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: