Protesta studentesca, il corteo non segue il percorso e la piazza che li aspetta resta vuota

santi apostoli comizio

Senza incidenti questa volta il corteo degli studenti romani. Protesta contemporanea in altre 90 città. Qui hanno sfilato bloccando il traffico della città. Ne sentivamo la mancanza.

Il corteo partito dalla solita piazza della Repubblica doveva concludersi nella solita piazza SS.Apostoli, fatta svuotare da ieri sera e preparata per l'occasione con palco e palloncini, come ormai va di moda nel business delle manifestazioni.

Gli studenti però hanno deviato verso la sede del Ministero della Pubblica istruzione in viale Trastevere, presidiato da un cordone delle forze dell'ordine. Al grido di originalissimi slogan, tipo "vergogna, vergogna" e "vieni fuori, vieni fuori!", i ragazzi hanno lanciato carote contro la facciata del ministero, poi il corteo si è sciolto. Tutti a casa a magnà. Secondo gli studenti a Roma per strada c'erano almeno 10mila persone, secondo la questura 5mila.

Per carità, non è male l'idea di cambiare il solito percorso (anche per rispetto dei poveri romani che vivono o lavorano sulla tratta), e soprattutto ci piace l'alternativa di evitare il comizio coi megafoni e le urla ripetitive. Magari però avvertiteci prima. Pizzardoni compresi.

Tanto la festa continua. Il prossimo appuntamento è per il 27 ottobre sempre a Roma (e dove se no?) per un nuovo corteo organizzato dal comitato No Monti day.

  • shares
  • Mail