Rivolta dei taxi, traffico in tilt


Traffico bloccato in Centro, occupazione in piazza del Campidoglio e manifestazione di protesta in piazza Venezia: così i tassisti rispondono alla proposta del sindaco Walter Veltroni di concedere altre 500 licenze. Alcuni hanno addirittura ribaltato i cassonetti dell'immondizia per impedire il passaggio di autobus e automobili; l'Atac si è vista così costretta a deviare ben 35 linee per permettere il proseguimento del servizio pubblico. Ad aggravare la situazione anche l'aggressione a un fotoreporter che stava documentando la protesta. La polizia scientifica e la Digos hanno provveduto a prendere le targhe dei rivoltosi.

La giornata di oggi, come anticipato da 06blog, doveva segnare un accordo fra le due parti, sigle di categoria e amministrazione comunale. Evidentemente qualcosa è andato storto. Parla Marco Ricco, della Cna: "Noi avevamo chiesto una sperimentazione di sei mesi e di rivederci a giugno per verificare la situazione, ma da lui non è arrivata nessuna apertura. Questo significa ridurre la categoria alla fame". Gli risponde Mauro Calamante, assessore alla Mobilità: "Veltroni ha accolto la proposta di un aumento del 18 per cento sull'attuale piano tariffario, del supplemento di 2 euro per le corse da Termini e dell'apertura del tavolo istituzionale di concertazione sui problemi dell'abusivismo e del servizio noleggio con conducente. Parallelamente ha anche annunciato il potenziamento dell'offerta con nuove 500 licenze".

foto | repubblica.it

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: