Torna la Settimana del baratto in B&B, tante le proposte nel Lazio

Avete delle statue da giardino che proprio non sapete a chi rifilare? Sareste in grado di dare consulenze in qualche materia come il feng shui, o realizzare un sito web ad hoc? Sono tanti - anche più ordinari, in realtà – i servizi o i beni che potreste offrire per approfittare dell'offerta baratto che torna quest'anno, come da tradizione, in oltre duemila bed and breakfast italiani, che consentono appunto, con questo metodo, di viaggiare a costo zero. Periodo? Dal 19 al 25 novembre.

Come si legge nella presentazione dell'iniziativa, in pratica

nel corso della Settimana del Baratto sia l'ospite che il gestore saranno svincolati dal pagamento in denaro, privilegiando l'aspetto umano dell'ospitalità e la possibilità di scambiare esperienze e competenze.

Per trovare il b&b che più vi ispira, anche quello più lontano da cas, il consiglio è di consultare www.facebook.com/settimanadelbaratto o il sito www.settimanadelbaratto.it. Se ad esempio volete risparmiare anche sulla benzina e non volete allontanarvi la casa, l'ideale è scegliere una struttura nella nostra regione.

Ce n'è per tutti i gusti, dal Trentino a due passi da casa nostra, in effetti. E le cose da “barattare”, richieste dalla struttura, sono le più varie. Ad esempio, io personalmente, sceglierei un posto magico, in provincia di Viterbo, come Bagnoregio, da cui visitare la splendida “città che muore” (Civita di Bagnoregio, appunto).

E così scopro che ce ne sono ben 12 nelle vicinanze, come B&B del Prato, che cerca ad esempio un fotografo professionista (o semi) o chiede vini di qualità della zona di provenienza dell'ospite. Ma per esempio ad Ariccia il Melograno chiede artisti che sappiano proporre spettacoli, anche in prosa per gruppi di amici e conoscenti. Oppure Domus Volumnia, nei dintorni di Castel Gandolfo, cerca chi gli impreziosisca la struttura di intarsi e decorazioni.

Ma gli esempi sono tantissimi, basta smanettare un po'!

  • shares
  • Mail