L’addio a Gabriele: oggi la camera ardente

Dolore, rabbia e ancora tanta incredulità. Roma si stringe attorno a Gabriele Sandri, il tifoso laziale di 28 anni, ucciso domenica mattina nell'autogrill di Arezzo. Oggi è stata allestita la camera ardente (10.30, Sala Santa Rita in piazza Campitelli) mentre i funerali si svolgeranno domani nella chiesa di San Pio X.

Nel negozio d'abbigliamento della Balduina, dove il giovane viveva e lavorava, ieri è comparso un cartello, scritto al computer, che recita: "Ieri un bastardo schifoso ha assassinato mio figlio. Che tu sia maledetto per sempre”. Ma quel cartello che Cristiano Sandri, fratello della vittima, ha fatto strappare da un amico ''perché assolutamente non scritto dalla famiglia'', nel pomeriggio è misteriosamente riapparso.

Il gesto chiesto dal ministro Melandri per dare un segnale di ''cordoglio'' per la vita spezzata di Gabriele Sandri, ma anche di condanna alla violenza ''cieca'' scatenatasi ieri, è arrivato: stop domenica ai campionati, e a non scendere in campo saranno la B e la C, visto che la massima serie osservava la sosta per la nazionale.

Via | Apcom.net

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: