Pranzo esotico nelle mense scolastiche: siete d'accordo?

ogni mese un paese Vi avevamo già parlato di 'Ogni mese un paese', l'iniziativa promossa dall’Assessorato alle Politiche Educative, che porta nelle mense scolastiche specialità gastronomiche provenienti, a turno, da una delle otto comunità più numerose presenti nelle scuole della città (Bangladesh, Romania, Albania, Polonia, Perù, Cina, Marocco, Filippine).

Mia figlia ad ottobre (mese del Bangladesh) 'la pasta degli indiani', come la chiama lei, non l'ha mangiata. E questo mese tocca al piatto tipico rumeno (il Sarmale, nella foto).

Sembra che nessun bambino abbia gradito la novità. In linea di massima non sono contraria all'iniziativa anche perchè mia figlia è un tipo che solitamente mangia, e conoscere, imparare a mangiare un po' tutto non può fare che bene. E poi, se salta un pasto per un giorno non è poi così tragico, ma capisco la preoccupazione dei genitori con figli che si alzano da tavola lasciando sempre il piatto pieno.

fonte | Romaone

In merito a questo, alcuni genitori del quartiere Prenestino-Labicano hanno avviato una petizione chiedendo la possibilità di esonerare i figli dal pranzo esotico previsto una volta al mese nelle mense presso le scuole del Municipio VI. C'è chi dice che sia un falso problema perchè il vero guaio è che i nostri piccoli vanno avanti a dolci e merendine, cibi non proprio salutari per la loro crescita. Voi che pensate al riguardo?

Per chi non è al corrente sul sito del Comune di Roma può trovare in dettaglio gli otto menù.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: