Librerie fotografiche a Roma: la situazione

Riapre oggi, dopo un trasloco forzato, quella che giudizio di molti fotografi romani è una delle migliori e più fornite librerie fotografice della Capitale: Al Ferro di Cavallo in via del Governo Vecchio 6. L’apertura della nuova sede della storica libreria, la cui sede precedente era in via di Ripetta, insieme ad una mia recente visita a Londra, diventano l’occasione per fare il punto della situazione sulle librerie fotografiche a Roma. Anticipando subito che il quadro non è affatto buono.

Roma, se si esclude la parentesi degli anni 50 e 60 quando il fashion, e di conseguenza la fotografia di moda, era di casa nella Capitale, è una città caratterizzata storicamente da una carenza di cultura fotografica. Non è un caso che solo negli ultimi anni sono state organizzate mostre di un certo livello. E sempre da poco tempo, sette anni per la precisione, è nato il Roma Foto Festival. Di questo stato di cose, ovviamente, ne ha risentito da sempre anche il mercato di libri fotografici e per questo la Libreria al Ferro di Cavallo, con la sua fornita collezione di monografie di fotografi di tutti i tipi e con i cataloghi delle mostre (la metà esatta del negozio, l’altro 50% è dedicato all’arte), ha rappresentato per anni l’unico punto di riferimento cittadino. Dietro di essa c’è il vuoto. Si salva la Feltrinelli di via Orlando, dietro piazza della Repubblica. Ultimamente, poi, ho scoperto il Bookshop delle Scuderie del Quirinale (ottimo) e quello del Museo di Roma in Trastevere. Ma si tratta di picoli spazi.

In attesa della Casa della Fotografia, dunque, non ci resta che accontentarci della nostra miseria. Londra in confronto è il paradiso: The Photographer’s Gallery è il posto migliore in assoluto: non enorme, queta libreria è però caratterizzata da quattro (4!) immense pareti piene di scaffali contenenti ogni libro fotografico sia mai stato prodotto. Inoltre tutte le librerie generiche della città (Watersone’s, Foyle), hanno come minimo una o due pareti dedicate all’argomento. Nella Capitale inglese, inoltre, sono presenti anche le librerie monomarca come Taschen, la cui filiale francese si trova invece a Parigi, vicino Saint Germain des Pres. Neanche cito le innumerevoli librerie ad hoc nella Capitale francese. Altrimenti mi viene da piangere!

foto: Flickr

  • shares
  • Mail