Roma migliora ma lo smog resta

L'aria delle città italiane fa schifo. A confermare l'intuizione di chiunque abbia a passeggiare per le strade di qualsivoglia centro abitato è l'indagine "Ecosistema urbano 2008" di Legambiente. Il bilancio dei 25mila dati raccolti non è buono, a detta del presidente dell'associazione ambientalista Roberto Della Seta: "Le città italiane non hanno scelto l'ambiente per migliorare il benessere degli abitanti. Le nostre politiche ambientali urbane spesso non tengono il passo con l'Europa. Dalle città deve partire uno sforzo maggiore per dare centralità alla qualità dell'ambiente. Vanno aperti soprattutto tre grandi cantieri: quello della mobilità; di una nuova politica energetica; la casa, con un nuovo impulso al mercato degli affitti".

Al primo posto fra le città meno inquinate c'è Belluno che tuttavia raggiunge a fatica un livello di sufficienza. Fra le grandi città è Roma a cavarsela meglio. "Le metropoli galleggiano a metà graduatoria" dice Della Seta. "A soffrire è ancora una volta il Mezzogiorno, Sicilia e Campania in testa, con risultati critici e immobilismo soprattutto sulla raccolta differenziata dei rifiuti». La Capitale migliora di cinque posizioni rispetto allo scorso anno grazie alla Ztl più grande d'Italia. Milano è al 58esimo posto, Torino resta al 74esimo posto e Napoli indietreggia alla 91a posizione.

fonte | legambiente.it

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: