La Tana della Lupa: montagne giallo-russe

Roma - Bologna pagelle

"Tu mi porti suu.. Poi mi lasci cadere". Perché non la cantiamo allo stadio? E' la nostra colonna sonora. Due passi avanti e tre indietro. Ecco fatto. Siamo punto e a capo. Anzi un po' peggio, perché la prima l'avevamo salvata all'ultimo minuto. Stavolta la frittata alla bolognese invece è riuscita proprio a pennello.

Quello che fa rabbia è che la prima parte della gara era stata molto simile alla trasferta di Milano. Un bella Roma contro un avversario modesto. Due a zero e tutti a casa. Macché, non è roba per noi. Dal 3 a 0 possibile di Totti, sventato grazie al palo da Agliardi, al crollo totale della difesa. Quindi la confusione. L'ansia. E la boiata finale. Il Bologna stenta a crederci. Noi meno...

La Z di Zeman firma anche questa goliardata. C'è poco da sorprendersi, inutile ripetere cose scritte e ricalcate da queste parti da quando è riapparso il boemo sulla panchina della Roma.

Ma se sento ancora qualcuno che dice che la colpa è di Zeman perché "parla troppo", gli strappo personalmente eventuali tessere, abbonamenti, carnet o biglietti singoli della Roma dalle mani.

Qui apro una parentesi. A parte il fatto che doppia zeta ha del tutto ragione, ma anche se fossero, le sue, solo sciocchezze, non vedo perché non dovrebbe ripeterle (visto che le conosciamo tutti da anni) quando gli fanno una domanda.

Mi risulta molto più strano il comportamento della società e soprattutto di Baldini che dovrebbe conoscere un po' Zeman. Zdenek è sempre stato questo. Altro che comunista o paragnosta! Picconava anche quando lo avevano esiliato. Figuriamoci ora se deve stare zitto.

Allora perché dopo "mister-silenzio-su-tutto-zero-polemiche-complimenti-per-tutti", Luis Enrique, e dopo una stagione intera ad insegnarci la politica dei toni bassi, della morale interna piena di regole e perbenismo, della rivoluzione sociale, poi prendi anarchia Zeman?

Americà, io vi voglio perfino bene (per ora), ma quante partite di pallone avete visto? Lo fate di proposito? Volete fare la guerra ora? Allora facciamola! Anzi vi preferisco pure così. Ma venite fuori. Non con i comunicati. Fuori dalla borsa, giusto, comprate il resto della quota dalla banca, facciamola finita con la "finanza nel calcio". Forza.

Chiedete la testa di Abete, Petrucci, Galliani. Come per la tessera del tifoso di Maroni, fate vedere chi siete. E perché volete Zeman e cosa rappresenta. Altrimenti sembrate e ci fate sembrare schizofrenici. Chiusa parentesi.

Torniamo al calcio giocato, male. Appunto. Sinceramente sono molto più deluso dai calciatori, come sempre, che (Totti a parte) fanno e disfano ogni volta quel poco di buono che ci avevano fatto intravedere. Mi chiedo dove sia la differenza, nonostante il mercato, di questa squadra con quella di Luis Enrique, ma anche con quella di Ranieri, e, perché no, con quella di Spalletti.

A volte penso che sia qualcosa che mangiamo qui a Roma. Davvero. La canzone di Giorgia (che purtroppo credo però sia della Lazio) ci rappresenta perfettamente. Facciamola nostra: "Ah che bellezza, ah che dolore, così va la Roma, così che va l'amore". L'ultima Roma che non mollava mai fino al 90' e oltre, voi quando la ricordate? Io me la sono quasi dimenticata. Speriamo almeno che stiamo "imparando a volare"...

voti e pagelle

Stekelenburg 4,5 A ridaie. Ma come? Dopo tutti gli elogi di Milano. Che te sei magnato?

Piris 4 Questa storia che non dobbiamo "rovinarlo", "poverino" mi ha già stancato. Se è un campione si sveglia comunque. Ricordo come massacrammo Voeller alla prima stagione. Adesso ancora ce lo sogniamo di notte. Per ora Piris è ai livelli di José Angel, anzi peggio, perché lo spagnolo illudeva di più agli inizi. Esce per Marquinhos s.v. che ha giocato poco ma non ha avuto paura dell'esordio.

Burdisso 4,5 Altro giocatore che dobbiamo "rispettare" per il cuore e la grinta. Ma non può essere il nostro baluardo. E' chiaro o no?

Castan 5 L'unico che salvo (quasi) là dietro. In realtà ci mette del suo anche nel pareggio di Diamanti, e comunque quando prendi 3 gol del genere la difesa intera è da bocciare.

Balzaretti 5,5 Rimesso in piedi a tempo di record, spinge a corrente alternata. Ma fraseggia sempre con classe. Dietro, purtroppo, a volte ti guardi intorno e ci si chiede come faceva la vecchia di "Non ci resta che piangere" con la mecelleria: "E Balzaretti?"

Florenzi 6 Ce la mette tutta. Sempre con un dinamismo eccezionale. Premiato e reattivo nel gol carambola dopo il palo del capitano. Ci prova fino alla fine.

Tachtsidis 5,5 Finché la partita viaggia su quei ritmi anche lui ha il vento in poppa, ma quando si scatena la gara da trincea, si nota di più la sua flemma non proprio aggressiva.

Pjanic 5 Questo sta diventando un buco nero nella galassia zemaniana. Fa i numeri con la sua nazionale, qui fatica. Quindi non è questione fisica, come in tanti credevamo. Non sa bene dove mettersi o è Zeman che non sa ancora come metterlo? Sarà un caso comunque quando esce (per Marquinho 5 di nuovo quello col Catania, a Milano chi era?) la Roma crolla.

Lamela 6,5 L'unica buona nota della giornata. Finalmente si rivede Erik. Non solo per il gol ma per intraprendenza e profondità. Ti prego, figliolo, non ti rispengere. Esce per Nico Lopez 5,5 a cui non arriva la palla buona.

Totti 7 L'unica conferma. Due pali, un gol mancato per la bravura e la fortuna di Agliardi, una serie incredibile di palloni gestiti, inventati, recuperati. Non basta mai.

Destro 4,5 Anche qui c'è da chiedersi cosa gli succede. In nazionale timbra subito il cartellino. Tutti a dire che a destra è sprecato, quindi oggi dovevi fare sfracelli. Un tiro in porta? Ci rendiamo conto?

Zeman 5,5 Squadra probabilmente giusta. Cambi sicuramente sbagliati. Cosa gli hai detto negli spogliatoi? "Fatevi un riposino"?

  • shares
  • Mail