La nuova sede della Luiss, eccellenza accademica europea

Università per Pariolini figli di papà? Oppure grande fucina di menti per la classe dirigente del domani in grado di competere con le più prestigiose università europee? Comunque la pensiate sulla Luiss, ovvero sull’università della Confindustria, si può dire certamente che da oggi Roma possiede un nuovo centro d’eccellenza accademico di livello europeo: la nuova sede dei Parioli di viale Romania della Libera Università Internazionale degli Studi Sociali.

L’obiettivo della nuova Luiss, la cui inaugurazione si è svolta ieri pomeriggio alla presenza del sindaco Veltroni e del presidente della Confindustria Luca Cordero di Montezemolo, è semplice: diventare un centro d’eccellenza europeo e mondiale, acquistare docenti in tutto il mondo, cercare di recuperare cervelli fuggiti all’estero tra i ricercatori ed evitare che altri prendano la stessa strada.

Per farlo ecco la ricetta. Per prima cosa una nuova sede tecnologicamente all’avanguardia, ex proprietario proprio il Comune, per ospitare Economia, Scienze Politiche e Giurisprudenza con 29 aule. Poi una nuova biblioteca con postazioni dotate di pc, schermo al plasma, ed un campus in un parco di 33.000 metri quadri dotato di wire less. In secondo luogo, una campagna acquisti tra i professori migliori del mondo, con conseguenti stipendi all’altezza per docenti e ricercatori, in modo da poter concorrere con Oxford e Cambridge fino alla Bocconi. Infine, come ricordato da l’Espresso la settimana scorsa, guest star tra i docenti come lo studioso della teroia del caos Doyne Farmer ed il ritorno in Italia di importanti studiosi fuggiti negli States anni fa.

“Roma – ha spiegato Veltroni alla cerimonia – si sta trasformando da Capitale della burocrazia statale a città universitaria”. Vero, visto anche lo splendido campus sorto in questi anni a Tor Vergata, che entro pochi anni sarà impreziosito da un nuovo rettorato e dal palazzetto del nuoto della città dello Sport firmati da Calatrava, il nuovo Campus biomedico sempre della Seconda università e presto le nuovi sedi delle facoltà e dei campus della Sapienza nelle aree del quartiere Bufalotta. Senza scordare il grande sviluppo di Roma Tre e la rivoluzione urbanistica che ha determinato sull’Ostiense.

  • shares
  • Mail
72 commenti Aggiorna
Ordina: