Raccolta differenziata "Porta a porta". Entro il 2010 per 800.000 romani


Entro il 2010 la raccolta differenziata porta a porta raggiungerà un romano su tre, ovvero 800.000 persone. Se il futuro è la raccolta differenziata, come indicato più volte dai piani della Regione Lazio, il comune di Roma non perde tempo e lancia la sua offensiva alla spazzatura indifferenziata.

I panni dell’alfiere di questa battaglia, per il momento, sembra li abbia indossati l’assessore all’ambiente del Campidoglio Dario Esposito. E’ stato lui, oggi, a rendere noto il cronoprogramma per il “door to door” in una conferenza stampa in Campidoglio. “L’obiettivo – ha spiegato senza giri di parole l’assessore – è raggiungere con il sistema di raccolta porta a porta 100.000 romani entro il 2008 ed 800.000 entro il 2010, ovvero un terzo della città”.

Il traguardo finale è ambizioso ma non impossibile. Lo stesso sindaco di Roma, Walter Veltroni, ha infatti ricordato che senza “door to door” Roma in pochi anni ha quintuplicato la raccolta differenziata superando il tetto del 20%. La raccolta porta a porta, ad ogni modo, già c’è seppur in pochi quartieri. A Colli Anieni e a Decima Malafede, ha ricordato Esposito, i risultati sono ottimi: il 60% di spazzatura viene differenziata. Naturalmente per arrivare all’obiettivo di 800.000 persone, ha fatto sapere l’Ama, serviranno investimenti. Il tutto mentre la Regione sta per confermare in via definitiva il piano rifiuti che prevede 8 linee di termocombustione di rifiuti dislocate in quattro siti regionali ed il 50% di differenziata nel Lazio entro il 2010.

foto: flikr

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: