Guai per i romani: niente Smart e 500 per i neopatentati

Fiat 500 e Smart FortwoSe a luglio discutevamo su quale tra la nuova Smart e la nuova Fiat 500 potesse diventare l’auto preferita dai romani, oggi il problema potrebbe non porsi più, almeno per i neopatentati.

Eh sì amici, perché con l’approvazione del decreto Bianchi molti romani, da sempre amanti delle piccole auto, verranno privati della possibilità di lasciare la propria utilitaria ai figli neopatentati.

Questo perché il decreto suddetto prevede che i neopatentati non potranno guidare per un anno automobili con un rapporto potenza/peso superiore allo 0,05 ossia auto che superano i 50kw per tonnellata. Risultato? Le piccole auto come la nuova 500, la Smart (eccetto le diesel) e la Mini, superdotate in quanto a sicurezza e parche nelle sostanze inquinanti, non potranno essere guidate dai ragazzi freschi di patente poiché il limite suddetto penalizza le vetture leggere e brillanti.

Ad essere penalizzate però non sono solo le auto modaiole appena citate che tanto piacciono a noi romani, ma anche delle innocue ed economiche 600 e Ka, diffuse in quantità consistente nella capitale e spesso adoperate come unica auto dalle famiglie che non vogliono (o non possono) sostenere i costi di gestione di auto più grandi e costose.

Se vi interessa sapere l’elenco completo dei modelli nuovi guidabili dai neopatentati cliccate qui. Noterete che se da un lato non sono ammissibili modelli come quelli suddetti, dall’altro i neopatentati potranno guidare fuoristrada inquinanti come il Nissan Patrol. Vi immaginate dei diciottenni in giro per Roma a bordo di questi bestioni?

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: